Torreira: “Fiorentina una chance da sfruttare”

FIRENZE – Al mio procuratore ho sempre detto di voler tornare in Italia, c’erano altre offerte ma quella che mi ha convinto di più è stata la chiamata del direttore Pradè, che mi ha aiutato tantissimo. Ho creduto alla sua parola, sono felice di essere qui. Nell’ultimo mese ho parlato più con lui che con mio padre. Si parlava da tanti anni di Fiorentina, voglio sfruttare al massimo questa esperienza ora che sono qui“. Così si è presentato Lucas Torrerira ai tifosi della Fiorentina. La società viola ha presentato ufficialmente il centrocampista arrivato dall’Arsenal con una gran voglia di riscattare l’ultima annata non esaltante, vissuta per gran parte in panchina all’Atletico Madrid: “Dalla Sampdoria sono stato ceduto all’Arsenal, poi purtroppo lo scorso anno ho scelto di andare a Madrid. Normale che chiunque voglia giocare e invece non ho avuto tanto spazio. Ogni allenatore ha la sua idea, e devi abituarti. Lo scorso anno ero con Simeone, un allenatore da cui ho imparato molte cose“. Ora a guidarlo ci sarà Vincenzo Italiano, anche lui nuovo nell’ambiente Fiorentina: “Guardo il calcio italiano anche se sono fuori, a La Spezia ha fatto bene. Urla tanto e ci sta dietro io sono un regista cui piace giocare sempre la palla. Al mister piace utilizzare tanto il mediano, è un ruolo importante per me, l’ho fatto due anni alla Sampdoria con Giampaolo. Gioco sia in un centrocampo a due che a tre“.

Torreira, obiettivo rinascita alla Fiorentina

Guarda il video

Torreira, obiettivo rinascita alla Fiorentina

“Importante l’entusiasmo dei tifosi”

Dopo l’esperienza alla Samp, per Torreira è iniziata l’esperienza in altri grandi tornei europei, che per qualità sembrano più avanti rispetto all’Italia. Anche se il parere del centrocampista va controcorrente: “Quanto è lontana la Serie A dalla Premier? Non direi così tanto, visto l’Europeo vinto. Ho giocato in Inghilterra, e quello è il miglior campionato del mondo“. Ma ora è il momento di pensare solo alla Fiorentina. E all’Atalanta, prossimo avversario di Torriera e compagni: “Non posso dire se giocherò, credo che Gasperini stia ascoltando… Sono da pochi giorni con la squadra, spero per essere pronto già per Bergamo, per aiutare la squadra a portare a casa i tre punti. Nel frattempo, cercherò di capire al meglio cosa vuole Italiano. Il numero 18 – conclude Torreira – è importante perché la squadra del mio paese è il 18 Luglio e mio padre è il presidente. Firenze la conosco poco, con la Sampdoria sono venuto a giocarci ma stavamo sempre in albergo. Ora la sto conoscendo e vedo l’entusiasmo dei tifosi, cosa molto importante per me“.

Precedente Napoli, ufficiale: il 6 settembre amichevole col Benevento Successivo Morini, ai funerali anche Platini e Tardelli

Lascia un commento