Tardelli e il caso Acerbi: "La sentenza una sciocchezza, Juan Jesus vincitore"

Ne è convinto anche dopo il caso Acerbi-Juan Jesus? 
«I calciatori sono sotto i riflettori e dovrebbero essere esempi di educazione, quante volte lo sentiamo ripetere? Basterebbe avere la forza di dire “ho sbagliato” e non “sciacquatevi la bocca” come ho letto sui social». 

Ritiene l’assoluzione dell’interista da parte del giudice sportivo una decisione ingiusta?  
«Diciamo che nell’ultimo periodo sono state emesse delle condanne particolari da parte della giustizia sportiva. Sinceramente, credo che Acerbi abbia commesso una sciocchezza perché è un bravo ragazzo e un professionista serio. Ma penso anche che una sciocchezza più grande l’abbia commessa chi l’ha giudicato. Però è solo una mia idea». 

È una storia in cui perdono tutti. 
«Non tutti. Juan Jesus aveva sistemato tutto, perdonando Acerbi già in campo. Lui è il vero vincitore». 

Spalletti in Nazionale parla continuamente di valori e di rispetto della maglia azzurra. Lo racconterà agli studenti che vedrà all’Onu? 
«Luciano è una persona seria e onesta e per quello che l’azzurro ha rappresentato nella mia vita sono felice che pronunci certe parole. Ovviamente sì, la Nazionale è qualcosa di altissimo e prezioso. Ora però deve scegliere chi portare agli Europei».

Qualche consiglio? 
«Saprà farcela da solo. Però gli manca il fuoriclasse, ed è un problema»

Saremo all’altezza di Spagna, Germania, Inghilterra, Francia, Olanda? 
«E perché no? Nei momenti che contano sappiamo sempre cavarcela, io credo in questa Italia».

Si parla spesso del rapporto tra giovani e risultati. Secondo lei, quelli bravi è meglio tenerli in U21 per conquistare una qualificazione all’Europeo o farli salire in Nazionale maggiore per giocare delle amichevoli? 
«Quelli bravi devono andare su. E non mi piace quando poi tornano giù, perché scendono con un’altra testa. L’obiettivo primario dev’essere la Nazionale maggiore, vale più di qualsiasi trofeo giovanile».

Siamo protagonisti fino all’Under 20, poi il processo di crescita dei ragazzi sembra interrompersi. Perché?  
«Perché i club non danno opportunità e i ragazzi smettono di giocare. Questo è un problema enorme, purtroppo».

Tardelli, secondo lei la Juve poteva lottare per lo scudetto fino alla fine? 
«A un certo punto ci hanno creduto, ma oggettivamente la distanza con l’Inter era e resta enorme».

Alla Juve manca un Tardelli a centrocampo? 
«Eh sì. L’Inter ha Barella, la Juve vorrebbe Koopmeiners. Solo che costa tanto, forse troppo. Ad Allegri manca anche un grande difensore, secondo me».

Come giudica il triennio di Max? 
«È stato circondato da tante negatività extra-campo e quelle influiscono. Nonostante questo, è andato sempre in Champions. Anche da lui mi aspetto qualcosa in più, ma il bilancio è decisamente positivo».

L’Inter ha dominato la stagione. 
«Si sono mossi bene sul mercato e Inzaghi è stato bravissimo. Peccato per la Champions a Madrid, ma hanno buttato la qualificazione nella gara d’andata a San Siro».

Napoli e Lazio, prima e seconda l’anno scorso, sono le grandi delusioni? 
«A Napoli dopo Spalletti hanno fatto tante scelte sbagliate. Ci si è messo anche lo scarso rendimento di Kvara e il periodaccio di Osimhen. La Lazio ha perso Milinkovic, aveva bisogno di rinforzarsi e credo che Sarri non sia stato ascoltato».

A proposito di grandi centrocampisti: l’avvio di De Rossi la sorprende? 
«No, perché Daniele è un ragazzo intelligente che ti entra nella testa e nell’anima. Ha capito la situazione dello spogliatoio, diciamo che ha aperto le gabbie e i giocatori hanno iniziato finalmente a dare tutto quello che avevano. Una cosa però mi ha sorpreso: il rendimento di Pellegrini. Non capisco cosa non andasse prima con Mourinho». 


Precedente Calafiori universale: Spalletti lo guarda e il Bologna non pensa a venderlo Successivo Savoldi: “Osimhen e Lookman super: Napoli-Atalanta dipende da loro”

Lascia un commento