Tacconi, il bollettino dall’ospedale di Alessandria: “Situazione stazionaria”

ALESSANDRIA – Dopo il grave malore accusato sabato, arrivano novità sulle condizioni di salute dell’ex portiere della Juve Stefano Tacconi. L’emorragia cerebrale, per fortuna, è stata bloccata, pertanto si spera in altri miglioramenti nelle prossime ore. Dall’ospedale di Alessandria, dove l’ex calciatore ha ricevuto le cure che gli hanno salvato la vita, arrivano aggiornamenti sul suo bollettino medico.

Allegri: "In bocca al lupo a Stefano Tacconi"

Guarda il video

Allegri: “In bocca al lupo a Stefano Tacconi”

Ecco come sta Tacconi

Dopo le parole del figlio Andrea, anche il Dottor Andrea Barbanera, direttore della Struttura di Neurochirurgia, e Fabrizio Racca, direttore della Terapia Intensiva, sono sembrati cautamente ottimisti: “La situazione è ancora stazionaria. Tacconi è farmacologicamente sedato, ma ha dato qualche segno di gesto finalistico. Il percorso sarà ancora lungo e i prossimi giorni saranno determinanti per capire l’andamento della situazione. Sicuramente il fattore tempo è stato fondamentale: aver riconosciuto il problema e aver centralizzato le cure, trasferendo il paziente in un ospedale hub, ha fatto la differenza per un intervento precoce al fine di evitare una seconda emorragia che sarebbe potuta essere fatale – aggiungono in una nota i sanitari –. Ora dobbiamo dare tempo a Tacconi di combattere, grazie alle cure che sta ricevendo in Terapia Intensiva, e affrontare con forza i prossimi giorni”.

Le condizioni di Stefano Tacconi: "Gravi ma stazionarie dopo l'emorragia cerebrale"

Guarda il video

Le condizioni di Stefano Tacconi: “Gravi ma stazionarie dopo l’emorragia cerebrale”

Precedente Emery ritrova il Liverpool con il Villarreal: tra il tecnico e i Reds è sempre pioggia di gol Successivo Tommaso Paradiso, duro attacco alla Lazio e siparietto con un tifoso della Roma

Lascia un commento