Supercoppa: Inter e Juve avranno 16mila biglietti ciascuno. Ecco come e quando acquistarli

Dopo la decisione di non rinviare la sfida del Meazza, da domani riparte la vendita dei biglietti. I prezzi e le modalità

In Arabia. No, a Milano. Il 12 gennaio. No, rinviata per Covid e stadio “dimezzato”. Anzi no, confermata il 12. La finale della Supercoppa Frecciarossa tra Inter e Juventus ha avuto una gestazione non facile. Il diffondersi dei contagi da coronavirus ha complicato ulteriormente le cose, perché l’ultimo decreto del governo ha ridotto la capienza negli stadi, creando non pochi problemi a chi gestisce la vendita dei biglietti. Quella per la sfida tra la vincitrice dello scudetto e quella della Coppa Italia (fischio d’inizio alle 21 di mercoledì 12 gennaio) era sul fronte nerazzurro era già iniziata, ma è stata subito interrotta perché prevista con la capienza al 75% mentre ora bisogna tornare ad una disposizione a scacchiera.

Gestione Lega

—  

L’organizzazione dell’evento – compresi i prezzi dei tagliandi – è in mano alla Lega Serie A, che però concede agli abbonati delle due squadre una possibilità di prelazione. Oltre che per quelli delle due squadre, il canale per l’acquisto online è Vivaticket, dove però le vendite ad oggi risultano appunto sospese per i motivi di cui sopra. Con una capienza di San Siro scesa a circa 37mila posti e qualche migliaio tenuto per esigenze interne e istituzionali, Inter e Juve avranno tra i 15 e i 16mila biglietti ciascuna. Come da comunicato della stessa Lega, ai sostenitori nerazzurri verranno riservati il settore verde (quello della Curva) per tutti e tre gli anelli e quelli rossi e arancioni (primo e secondo anello) verso la Nord, mentre i fan bianconeri il settore blu e quelli di rettilineo verso la Sud. I prezzi vanno dai 195 euro della tribuna arancio centrale ai 35 euro del terzo anello verde e blu.

Vendita libera dal 7?

—  

Dopo la decisione del consiglio straordinario di ieri di confermare il 12 gennaio come data del match, oggi in Lega si stanno succedendo gli incontri anche per riaggiornare il calendario della vendita dei tagliandi. L’Inter aveva appunto già iniziato la prelazione per gli abbonati (che prima della pandemia erano 40mila) e potrebbe riprendere domani. Dalla risposta dei fedelissimi dipenderà la gestione della vendita libera. Nel comunicato della Lega, quest’ultima sarebbe dovuta scattare mercoledì 5 gennaio. Ora invece dovrebbe slittare a venerdì 7. Sempre che gli abbonati non esauriscano le scorte. Tra stasera e domattina è atteso una nuova nota da via Rossellini.

Precedente Amoruso su Insigne: "Deve restare a Napoli per vincere qualcosa. Per Toronto ci sarà tempo" Successivo Maurito, Mauro per il no: "Non è l'uomo giusto per stile e caratteristiche. E Wanda..."

Lascia un commento