Sospiro di sollievo Mou: Zaniolo e Dybala col Milan ci saranno

Il numero 22 è stato nuovamente valutato a Trigoria e la sua presenza domenica non è in dubbio. Buone notizie anche per la Joya: solo crampi per l’argentino

José Mourinho può tirare un sospiro di sollievo. La prima vittoria del 2023 ottenuta contro il Bologna di Thiago Motta infatti non ha avuto conseguenze nefaste per Nicolò Zaniolo e Paulo Dybala, entrambi sostituiti nel corso della ripresa a causa di alcuni problemi fisici. A tenere in ansia lo Special One, e gran parte dei romanisti, erano state soprattutto le condizioni del numero 22, uscito al 60’ per un problema al ginocchio destro. Una zona particolarmente delicata per il classe ‘99 che, spaventato, era rientrato negli spogliatoi – dopo aver scalciato un cartellone pubblicitario – con un’espressione facciale tutt’altro che serena. Fortunatamente la preoccupazione è svanita nel giro di pochi minuti: Nicolò ha subito una botta che, sul momento, lo aveva spinto a chiedere il cambio ma che non ha avuto conseguenze. Allarme rientrato dunque, vista anche la decisione dello staff medico giallorosso di non sottoporre il giocatore ad ulteriori accertamenti. Oggi l’attaccante è stato nuovamente valutato a Trigoria e la sua presenza domenica con il Milan non è in dubbio.

SOLO CRAMPI

—  

Nessun problema anche per Dybala, il calciatore aveva lasciato il terreno di gioco alla mezz’ora del secondo tempo in preda ai crampi. Una conseguenza abbastanza scontata dopo essere tornato a disputare una gara da titolare dopo 87 giorni. Non a caso, nei piani dello Special One, l’argentino avrebbe dovuto giocare soltanto 60 minuti contro gli emiliani. Il fastidio accusato da Zaniolo però ha costretto lo staff del portoghese ad un cambio di programma, lasciando il numero 21 in campo più del previsto. Anche lui dunque prenderà parte alla spedizione giallorossa che sabato partirà per Milano. Dopo aver già deciso la sfida di San Siro contro l’Inter, adesso la Joya spera di ripetersi con i rossoneri.

Precedente Chi è Ricky Regufe, l’uomo ombra di CR7 che pare aver scavalcato Mendes Successivo Berhalter, i calci alla moglie (31 anni fa) e il Reyna rifiutato: tutto sulla bufera Usa

Lascia un commento