Salernitana strigliata: a Castori serve la svolta

SALERNO – Fiducia in Fabrizio Castori, ma serve quanto prima un cambio di marcia. Questo, in sostanza, quanto emerso dal confronto tra la Salernitana e il generale Marchetti di ieri prima dell’allenamento. Ok l’ambientamento in Serie A, ma tre sconfitte in tre giornate di campionato e per di più con 11 reti subite (quattro con Roma e Torino, tre con il Bologna), non sono accettabili. Bisogna cominciare a far punti, nonostante il prossimo sia un avversario che definire difficile è un esercizio d’ottimismo visto che all’Arechi arriverà l’Atalanta di Gian Piero Gasperini.

Il Torino cala il poker, debacle per la Salernitana con Ribery

Guarda la gallery

Il Torino cala il poker, debacle per la Salernitana con Ribery

Cambio modulo e un Ribery in più

Sotto accusa, oltre all’atteggiamento alquanto passivo, c’è anche il 3-5-2, la stella polare della carriera di Castori. Uno schieramento che, se gli esterni non girano a dovere in entrambe le fasi, diventa un suicidio tattico se la squadra pensa più a difendersi. Ad ogni modo contro i nerazzurri Franck Ribery potrebbe esordire dal 1′, vista la settimana di lavoro che avrà sulle spalle: il campione francese agirà da regista avanzato, ma bisognerà vedere se Castori sceglierà di giocare con una o due punte.

MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Precedente Milan, Ibra fermato a scopo precauzionale. Ma il nuovo stop riapre i sospetti sulla sua tenuta Successivo Mihajlovic ha ribaltato il Bologna: spietato e senza limiti

Lascia un commento