Roma, in città sale la tensione Leicester. E Abraham ha un motivo in più per segnare

Giovedì per la semifinale all’Olimpico attese oltre 65mila persone di cui 3500 tifosi ospiti, molti dei quali in arrivo domani. Mourinho, tolto Mkhitaryan, schiererà la formazione tipo, con l’attaccante inglese pronto a rispondere a Campbell che lo ha definito “troppo caro”

L’attesa inizia a farsi sentire. Se, da parte sua, il Leicester sceglie di concentrarsi in Inghilterra, facendo in casa rifinitura e conferenza stampa, Roma e la Roma si preparano ad una delle partite più importanti degli ultimi anni. Sugli spalti ci saranno oltre 65mila persone di cui 3500 inglesi: l’allerta c’è perché qualcuno arriverà già domani e il grosso del gruppo giovedì in giornata, ma visto che all’andata è andato tutto nel migliore dei modi l’auspicio è che a Roma succeda la stessa cosa. Anche perché i rapporti tra i club non sono tesi. I tifosi della Roma, tra radio e social, non parlano d’altro, dopo che ieri, invece, si è parlato a lungo di arbitri e campionato. Adesso, invece, esiste solo la coppa.

INTERESSE MONDIALE

—  

Da tutto il mondo saranno oltre 200 i cronisti accreditati: arriveranno da tutta Europa, dal Sud America e dal mondo arabo, pronti a raccontare una sfida che, anche a livello di immagini televisive, con l’Olimpico in serata di gala, si prospetta di alto livello. Il programma della Roma sarà sempre lo stesso: allenamento oggi e domani pomeriggio, conferenza, ritiro a Trigoria, partenza per lo stadio intorno alle 18.30. Sugli spalti attesi Totti e Ranieri, oltre ai 65mila tifosi.

DUBBIO DI FORMAZIONE

—  

In campo la Roma, assenza di Mkhitaryan a parte, scenderà in campo con la formazione tipo, a meno che Mourinho non decida di giocarsi Zaniolo a partita in corso inserendo un centrocampista in più. In ogni caso, i leader ci saranno: Rui Patricio in porta, Smalling e Mancini al centro della difesa, Cristante a centrocampo, Pellegrini e Abraham davanti. L’attaccante inglese avrà una motivazione doppia, anzi tripla: vuole la finale, vuole segnare per la prima volta al Leicester e vuole convincere gli scettici che ancora ci sono in Inghilterra.

LA FRECCIATA DI CAMPBELL

—  

Tra loro Sol Campbell, ex difensore dell’Arsenal che ha commentato i rumors secondo i quali i Gunners sarebbero interessati a Tammy: “Ottanta milioni? Sono molti soldi, non penso valga così tanto – le sue parole a Football Insider – . È un buon giocatore, ma non a quel prezzo e penso che questo sia l’ostacolo principale per l’Arsenal. In caso, il club guarderà altrove. Forse avrebbero dovuto provare a prenderlo la scorsa estate, adesso ha segnato tanti gol in Italia dimostrando di essersi adattato al calcio italiano. Se continuerà a segnare, il suo prezzo lieviterà ancora”. Inutile dire che la Roma si augura che Abraham continui a segnare così tanto, a partire da giovedì. La notte che Roma e la Roma aspettano da anni.

Precedente TMW - Casini: "VAR sia di ausilio, non una complicazione. Troveremo soluzioni con la FIGC" Successivo Champions: dove vedere in tv e in streaming Villarreal-Liverpool

Lascia un commento