Ridle Baku, il nuovo terzino destro della Germania

Hansi Flick non ha smontato la struttura della vecchia Germania, è ripartito dalle basi lasciate da Joachim Löw: il ct si è limitato a rimodellarla, a rinnovarla un po’, proseguendo il lavoro ricevuto in eredità. Niente strappi, l’idea è quella di procedere a un cambiamento graduale, evitando troppi esperimenti. Ma i primi segnali di questo elaborato processo di ricostruzione sono già arrivati venerdì sera, in occasione della facile vittoria per 2-0 contro il modesto Liechtenstein.

La via nuova

Flick ha presentato Jamal Musiala, diciotto anni, ala destra, nel blocco dei titolari, in un 4-2-3-1 che dovrà restituire autostima e certezze alla Germania in vista del Mondiale del 2022 in Qatar. Un successo firmato da Werner e Sané, ma Musiala ha rappresentato una delle sorprese di una nazionale ridisegnata dopo il deludente Europeo. Geniale, veloce, elegante, già blindato dal Bayern con un contratto fino al 2026, papà anglo-nigeriano e mamma tedesca: Musiala è considerato quasi un figlio da Flick, che lo ha visto crescere a Monaco di Baviera.

L’altra sorpresa

Ma la Germania, allo stadio Kybunpark di St. Gallen, ha offerto anche un altro motivo di interesse, sulla fascia destra, in difesa: ruolo che il ct ha affidato a Ridle Baku, 23 anni, 35 partite e 7 gol in Bundesliga con la maglia del Wolfsburg, che lo valuta 25 milioni. Un’ala che ha trovato la sua dimensione perfetta arretrando il suo raggio d’azione, senza rinunciare però a qualche blitz in area: merito di un’intuizione del tecnico Oliver Glasner, sostituito in estate dall’olandese Mark Van Bommel.

Europeo Under 21

Baku ha il papà congolese ed è un’altra delle ricchezze di un Paese sempre più multietnico. È nato a Mainz l’8 aprile del 1998, è alto un metro e 76, pesa 73 chili e ha un contratto fino al 2025. Il suo nome completo è Bote Nzuzi Baku, ma tutti lo chiamano Ridle, ribattezzato così quando era bambino da suo padre. Già, Ridle, proprio come la pronuncia del cognome dell’ex centravanti della Lazio, Karl-Heinz Riedle, grande idolo durante la sua infanzia. Ha vinto con la Germania Under 21 di Stefan Kuntz l’Europeo di categoria. Si è affermato nel vivaio del Mainz, club con il quale si è affacciato in Bundesliga. Il primo ottobre del 2020 è passato al Wolfsburg per dieci milioni e nell’ultima stagione è stato il migliore terzino destro della Bundesliga.

Precedente Italia-Lussemburgo Under 21 3-0, commento al risultato partita Successivo DIRETTA/ Venezia Fortitudo Bologna (risultato 44-27) streaming tv: intervallo

Lascia un commento