Psg, ora Mbappé sbotta: “In Francia parlano sempre di me, non so se resterò”

L’attaccante stanco delle critiche con club e Nazionale: “Ne ho abbastanza. È una situazione che può influire sulle mie scelte”. E il Real è alla finestra

Un avvertimento dai toni minacciosi, soprattutto se in ballo c’è un rinnovo non proprio scontato. Ossia quello di Kylian Mbappé che ha il contratto in scadenza nel 2022 e per ora non ha ancora deciso se rimanere al Psg dove cominciano a pesargli critiche e dibattiti sul suo conto. Il campione del Mondo, che piace molto al Real Madrid di Zidane, l’ha detto senza giri di parole al termine del ciclo di impegni con la Francia: “Ne ho abbastanza. È una situazione che può influire anche sulla decisione di restare o meno a Parigi”.

BOCCIATURA

—  

Mbappé periodicamente viene attaccato per qualche gara vissuta in modo blando, senza incidere o per lo meno senza garantire spettacolo e gol con il Psg. E lo stesso succede con i Bleus: dopo lo 0-1 di ieri in Bosnia, a firma di Griezmann, l’Equipe assegna un 5 a Mbappé (“partita molto insufficiente”), dedicandogli una pagina dal titolo eloquente: “L’eclissi di Marzo. Ancora una volta l’attaccante cui Deschamps aveva affidato il ruolo di prima punta, ha sbagliato tutto. Il bilancio è insufficiente”. Gli stessi toni, di solito, gli vengono riservati dal resto della platea dei media francesi non appena il capocannoniere di Ligue 1 vive qualche calo con il club.

SFOGO

—  

Così è arrivato lo sfogo preventivo di ieri sera, ai microfoni di radio Rtl: “Non mi va più di parlare del mio miglior posizionamento in campo perché solleva dibattiti inutili che alla lunga diventano faticosi, soprattutto quando giochi in un club del tuo Paese. Per chi gioca all’estero invece è un po’ diverso. Io sto sempre qui e si parla molto più di me. È un contesto diverso, ma ne ero cosciente quando firmai per il Psg. Per il futuro vedremo, è chiaro però che questa situazione può contare sulla riflessione sul mio futuro, ma non è l’unico elemento da prendere in considerazione. Per me è importante star bene quotidianamente nel posto dove mi trovo”.

BILANCIO

—  

Il messaggio non si presta a mille interpretazioni, e l’asfissiante clima parigino pesa sempre di più a Mbappé che non si espone neppure quando gli viene chiesto se il Psg quest’anno sia più competitivo che in passato: “Il bilancio va fatto a fine stagione”. Il club dell’emiro del Qatar comunque lavora sempre al progetto di rinnovo e l’accordo potrebbe sfociare nell’adeguamento dell’ingaggio ai livelli di Neymar, che guadagna 30 milioni netti. In ogni caso, il francese spiega di non aver ancora scelto se lasciare o meno Parigi: “Quando avrò preso una decisione, ve la comunicherò”.

Precedente Milan-Donnarumma, adesso è braccio di ferro Successivo Tango per due: i pensieri di Aguero e i tanti dubbi di Dybala

Lascia un commento