Per la Nazionale domani arriva uno Sportweek straordinario

In vista del quarto di finale tra Italia e Belgio, esce eccezionalmente di venerdì il settimanale della Gazzetta. Non solo l’Europeo: all’interno dall’Olimpiade ai diritti Lgbt

Il calendario della Nazionale detta anche quello di Sportweek, che in omaggio al quarto di finale contro il Belgio questa settimana gioca d’anticipo ed esce straordinariamente venerdì 2 luglio, sempre in combinata con la Gazzetta al prezzo cumulativo di 2 euro.

Entusiasmo Azzurro

—  

Proprio all’entusiasmo che stanno suscitando gli azzurri di Mancini è dedicata la copertina di questo numero, con i tifosi radunati per Italia-Austria davanti al maxischermo di Piazza del Popolo, a Roma. E i tifosi qualunque del reportage fotografico si mischiano agli italiani eccellenti che inviano il proprio messaggio di sostegno ai ragazzi del Mancio, dal presidente del Coni Giovanni Malagò all’attrice Sophia Loren, dal tenore Andrea Bocelli a Pippo Baudo, dal Campione del mondo Alessandro Nesta al popolare d.j. Linus. È con la spinta loro e di tutti gli italiani che la nostra Nazionale affronta a viso aperto il pur temibile Belgio, al cui uomo più pericoloso, Lukaku, è dedicato l’altro euroservizio di Sportweek: un rapporto, quello fra il centravanti dell’Inter e l’Italia, che risale al 2009, quando l’allora sedicenne Romelu partecipò con l’Anderlecht al Torneo di Viareggio e per poco non incrociò il collega azzurro Ciro Immobile, allora alla Juventus, suo avversario in questo quarto di finale. E se Lukaku, già 3 gol nel torneo, è tanto efficiente lo deve un po’ anche al nutrizionista azzurro Matteo Pincella, che lavora anche per l’Inter: la sua dieta a base di insalata, petto di pollo e pasta shirataki, che bilancia meglio fibre e proteine, ha aggiunto potenza al motore del belga.

L’arcobaleno e l’Olimpiade

—  

Un tema forte di questo Europeo è anche la lotta all’omofobia e la solidarietà alla comunità Lgbt. Ne parla su Sportweek in una rara intervista Thomas Hitzlsperger, l’ex nazionale tedesco oggi amministratore delegato dello Stoccarda che nel 2014 è stato il primo calciatore di alto livello a fare coming out. La buona notizia è che il vice campione d’Europa del 2008 coglie segnali incoraggianti da parte del calcio in questa battaglia: “Tanti giocatori hanno alzato la voce, ora hanno abbastanza coraggio per parlare”. Intanto i Giochi di Tokyo si avvicinano e Sportweek li approccia con un’altra esclusiva, quella col recordman italiano della velocità, il centometrista Marcell Jacobs che a maggio ha fermato il cronometro a 9”95, un tempo che lo autorizza a sperare di qualificarsi, primo italiano nella storia, per la finale olimpica. E non finisce qui, perché con le consuete rubriche troverete anche un’intervista con la spadista friulana Mara Navarria, una con il trapper milanista Capo Plaza che ha scelto San Siro per il suo ultimo video e un ricordo a cinquant’anni dalla morte di uno dei personaggi più iconici della storia del rock, Jim Morrison.

Precedente Sorpresa Ibra, nuovo libro: "Ci ritroverete dentro lo Zlatan di Sanremo..." Successivo Petagna, super compleanno a Montecarlo: che torta per il bulldozer

Lascia un commento