Pau Lopez, fine dell’incubo: contro la Lazio la rivincita per archiviare la crisi

ROMA – Un anno fa, esattamente il 26 gennaio 2020, si apriva un capitolo amaro e cupo della carriera di Pau Lopez. L’errore nel derby, quel pallone smanacciato e servito davanti alla linea di porta ad Acerbi nel derby ancora col pubblico sugli spalti è stato l’inizio della crisi del portiere spagnolo che col passare dei mesi non è più riuscito a trovare serenità e fiducia nei propri mezzi, fino a diventare il secondo dietro a Mirante. Un problema per lui, che aveva fatto i salti mortali per sbarcare a Roma (compreso ridursi l’ingaggio per facilitare la trattativa col Betisi Siviglia), un problema anche per la Roma che aveva speso 24 milioni più la metà del cartellino di Sanabria per portarlo nella Capitale. 

Pau Lopez: “Ho faticato per arrivare alla Roma, non voglio andare via”

Solitario e chiuso in se stesso, Pau Lopez negli ultimi mesi ha continuato a lavorare col preparatore Savorani per uscire dalla sua crisi personale, per ritrovare coraggio e far emergere le qualità intraviste nei primi mesi in giallorosso. Qualche uscita a vuoto nelle gare in cui è stato impiegato, poi l’infortunio di Mirante ha agevolato il suo rientro in pianta stabile tra i titolari, fino ad arrivare alla grande prestazione di ieri. Contro l’Inter Pau Lopez è stato tra i migliori in campo, vero protagonista con le parate sui tiri di Lukaku e Lautaro Martinez. Sul primo è volato su un colpo di testa ravvicinato, mandando sopa la traversa un gol già fatto. Sul secondo invece ha invece salvato con un riflesso prodigioso, salvando ancora una volta il risultato. Sui due gol dell’Inter niente ha potuto, su qualche rinvio sbilenco avrebbe potuto fare meglio ma sono errori da perdonare per le grandi parate nei 90 minuti. 

Roma-Inter, 2-2 show all'Olimpico: super gol, sorpassi e rimonte

Guarda la gallery

Roma-Inter, 2-2 show all’Olimpico: super gol, sorpassi e rimonte

Ce la sta mettendo tutta. Con il lavoro, l’aiuto dello staff della Roma, del preparatore Savorani e, naturalmente, della famiglia. Che lo scorso 28 dicembre si è allargata ulteriormente con la nascita della terzogenita, la piccola Zoe. Insomma, Pau Lopez sta tentando in tutti i modi a uscire dalla crisi, e la gara di ieri lo aiuterà a trovare ancora più coraggio per la sfida di venerdì prossimo. Perché, scherzo del destino, a un anno di distanza ritroverà la Lazio. Con i biancocelesti tutto è cominciato, con loro tutto può finire. È la prova definitiva per uscire dalla crisi, per tornare a essere se stesso e riprendere il cammino con i giallorossi senza più paure e tormenti. Per lui sarà una sfida nella sfida. 

Tutte le notizie sulla Roma

Precedente La Roma piange la scomparsa di Fabio Enzo, attaccante negli anni '60 Successivo Golf, salta il Pga Championship sul campo di Trump. Le news del giorno

Lascia un commento