Pagelle Lazio-Juve: splendido Gila, Mandas sicuro. Nuovo Kamada

Che bello l’abbraccio finale, tutti addosso a lui e lui che bacia tutti. L’incastro dei cambi in una partita impressa dall’inizio. Con Cataldi, Kamada e Pedro. Senza Guendouzi, Luis Alberto e Ciro. Svita qui e stringi là. Modalità Tudor: modulo doppio, difesa da 3 e mezzo, difesa a 4. Memorabile esordio e primo round contro Allegri.

Mandas 7

Volo d’Angelo, alla Peruzzi, su Chiesa. In presa centrale ancora su Chiesa. Poi di controbalzo su Cambiaso. Magnetismo. Così così con i piedi.

Casale 7

Forza omerica ritrovata con il suo guru. Centrale di destra straripante, un’idea platonica del ruolo. Dodici ingressi nella trequarti juventina. All’assalto anticipando Iling. All’assalto con quel tiro deviato da Bremer. Squarci di luce.

Romagnoli 6,5

Passione e sentimento. S’è incollato a Kean, s’è preso pure uno schiaffo. Mai acquattato, sempre corpo a corpo. Ruvido nei tackles, impreciso in qualche uscita.

Gila 8

Galacticos! Un difensore Apache, anche da terzino per coprire Zaccagni, sempre a caccia. Novantasette tocchi, 5 possessi strappati, un’occasione creata. Gioca a testa alta, carica a testa bassa. Lungamente inneggiato dopo il recupero su Kean, rimontandolo, arpionando il pallone.

Marusic 7,5

Gol atomico a 15 secondi dalla fine. “Quanto manca?“, aveva chiesto Tudor. Mancava il terzo tempo di Marusic. Modulo ibrido con il suo movimento da pendolo. Una respinta su Chiesa, Bremer murato. Potente, arrogante.

Cataldi 7

Nessuno giorni fa, forse nemmeno lui, pensava partisse titolare, da capitano. S’è abbassato sulla linea dei difensori, 84 passaggi, più di tutti.

Vecino (35’st) 6

Un’occasionissima subito, da fuori. Tiro ciccato. Ma ha dato energia.

Kamada 7

Mediano-regista, un altro Kamada: 97 tocchi come Gila. Costruzione, propulsione, un vero Samurai. Duelli, contrasti, recuperi alti e bassi, un lancio lungo per Zaccagni. Per 80’ di fila.

Guendouzi (35’st) 7

Da sorpreso a sorpresa dalla panchina. Assist rapace, sublime, danzando col pallone, indirizzandolo sulla testa di Marusic. S’è girato verso Tudor, della serie “hai visto?“.


Precedente Roma, la Pasqua di De Rossi tra campo e ritiro. E Sarah vola in Giappone Successivo Inter, Acerbi sempre più lontano. Hermoso a parametro zero può essere un'idea

Lascia un commento