Nuovo San Siro, Sala: “Preoccupato per il caro biglietti, ne stiamo discutendo”

Il sindaco di Milano ha confermato la volontà di tirare dritto per la strada intrapresa, che prevede il totale restyling dell’attuale impianto. “Devo dire a Inter e Milan di non fare lo stadio? Se ne andrebbero a Sesto”

Nessuna marcia indietro e, soprattutto, nessuna revisione dei piani originari su cui è stata (finalmente) trovata l’intesa. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha ribadito una volta di più che il nuovo impianto di Inter e Milan sorgerà là dove dal 1926 si erge lo stadio di San Siro. Intervenuto ai microfoni di Radio Popolare, il primo cittadino di Milano ha confermato la propria contrarietà all’ipotesi d’indire un referendum per decidere il destino dello storico stadio intitolato dal 1980 alla memoria di Giuseppe Meazza, impianto in cui nerazzurri e rossoneri hanno costruito e arricchito una storia ricca di trofei e ricordi indelebili. “Che il referendum non sia una scappatoia per la politica”, ha tuonato Sala.

POSIZIONI FERME

—  

“Credo che i referendum debbano essere relativi a temi etici, morali. Se sono invece una scappatoia per chi non vuole decidere e ributta la scelta sui cittadini, non sono d’accordo. Non è il mio modo di far politica. Il dialogo – ha proseguito Sala – va fatto piuttosto su come indirizzare oneri di urbanizzazione, su come lavoriamo sul quartiere. Non è che non vedo la contestazione, il referendum si può anche fare. Ma sono due anni che tengo duro e ho ottenuto quello che volevo ottenere, fatto unico in Italia. Dopodiché non è sufficiente? Devo dire alle squadre di non farlo?”, si è chiesto il primo cittadino milanese con tono sarcastico. “Per i club l’impianto è prioritario e andrebbero a farlo altrove, ad esempio nelle aree della Città della Salute di Sesto San Giovanni. Il rischio concreto – ha concluso Sala – sarebbe quello di ritrovarsi un San Siro abbandonato e inutilizzabile, dai costi di gestione annuali a 10 milioni di euro. Da un punto di vista ambientale avremmo fatto peggio”, ha concluso Sala. Che ha poi sottolineato un aspetto cruciale per i tifosi: quello relativo al prezzo dei biglietti. “Quando il Milan ha provato ad aumentare in modo eccessivo i prezzi dei biglietti per la Champions la gente si è ribellata e sono tornati indietro. E’ un argomento che mi preoccupa e mi sta particolarmente a cuore”, ha assicurato Sala, “ne sto discutendo con entrambi i club”.

Precedente Genoa, ora è ufficiale: club ceduto a 777 Partners, c’è Zangrillo presidente Successivo Roma, Mou ringrazia Valentino Rossi: "Una carriera leggendaria"

Lascia un commento