Nuova Champions: 8 partite a squadra e due posti decisi in base al ranking stagionale

Dopo le proteste delle leghe europee, l’Uefa rivede la riforma originaria riducendo il numero minimo di gare per partecipante (dovevano essere 10) e modificando il sistema di accesso

Sarà sempre Superchampions ma un po’ meno Super. L’Uefa fa un passo indietro, sulla scia delle proteste delle leghe europee, e decide di ridurre il numero minimo di partite di ogni club partecipante alla Champions dal 2024-45: 8 anziché 10, in modo da non togliere troppo spazio ai campionati nazionali. La revisione alla riforma partorita un anno fa è stata finalizzata a Vienna dall’Uefa Club Competitions Committee, in attesa dell’ok ufficiale del comitato esecutivo. Il format passerà da 32 a 36 squadre, unite in un girone unico, ma le partite minime per ciascuna partecipante passeranno dalle attuali 6 a 8: le prime otto si qualificheranno agli ottavi, basterà chiudere entro la 24ª posizione per entrare nei playoff a 16.

Ranking

—  

L’altra novità sta nel sistema di accesso. Solo due dei quattro posti in più saranno garantiti in base al ranking Uefa. E non quello storico ma quello relativo all’ultima stagione, e quindi ai risultati nelle coppe europee più recenti. I due posti andranno ai due paesi con il coefficiente più alto (in questa stagione, al momento, sarebbero Inghilterra e Olanda). Gli altri due posti aggiuntivi andranno al quinto paese del ranking Uefa e, per un quinto slot, ai campioni nazionali che non si qualificano automaticamente.

Precedente Serie B, Maresca dirige il playout Vicenza-Cosenza Successivo Coppa Italia, finale Juve-Inter: Arisa canterà l'inno di Mameli

Lascia un commento