Novak Djokovic, visto annullato per la seconda volta. Ora rischia un bando di 3 anni dall’Australia

Il ministro dell’immigrazione australiano ha di nuovo annullato il visto a Novak Djokovic. Il tennista serbo ora verrà espulso dal Paese e rischia un bando di tre anni dall’Australia. 

Il ministro australiano dell’Immigrazione, Alex Hawke, ha precisato in una nota che la decisione di annullare il visto concesso a Novak Djokovic è stata presa “per motivi di salute e di ordine pubblico”. La decisione implica che al giocatore serbo, che mirava al 21/o titolo di un Grande Slam, record agli Australian Open che iniziano lunedì, sarà vietato l’ingresso nel Paese per tre anni, tranne che in determinate circostanze.

Rischia fino a 5 anni di carcere?

Novak Djokovic potrebbe anche rischiare fino a 5 anni di carcere. Secondo quanto scrivono The Sunday Morning Herald e The Age, le autorità australiane stanno analizzando le discrepanze nelle informazioni fornite dal tennista serbo, che ha ammesso tra l’altro di aver effettuato attraverso un membro del suo staff un’errata dichiarazione di viaggio per l’ingresso in Australia e di aver violato l’isolamento Covid in Serbia. La pena massima per chi fornisce prove false, sottolineano i media, è appunto una condanna a cinque anni.

Cosa scrivono in Australia

“Possiamo rivelare – scrivono i giornali australiani – che l’indagine del dipartimento degli Affari Interni sulla star del tennis è stata ampliata includendo la sua violazione delle regole sull’isolamento in Serbia, le errate dichiarazioni sul formulario di ingresso in Australia relativo ai viaggi e le incongruenze sulla data del suo test per il Covid-19″.

Precedente Samp, il primo passo di Lanna da presidente: ieri ha incontrato in sede la Federclubs Successivo L'allarme di Dal Pino: "Aiuti o per noi è finita". Il modello sono i ristori francesi

Lascia un commento