Nerazzurri in nazionale: ieri una vittoria, un k.o. e un pari. Oggi tocca a Barella ed Eriksen

Esulta Lukaku, cadono Brozovic e Perisic, Skriniar pareggia. Tutti impiegati per 90’. Nell’Italia panchina per Sensi, domani tocca ad Hakimi

Nel bilancio della prima serata di qualificazione ai prossimi Mondiali regna l’assoluto equilibrio con un successo, una sconfitta e un pareggio per i calciatori impegnati con le rispettive nazionali, con il programma che proseguirà nella giornata odierna con altri cinque nerazzurri in campo. Partendo dalle note dolenti, nel gruppo H è sorprendente il k.o. della Croazia contro la Slovenia dell’atalantino Josip Ilicic: 1-0 il finale allo stadio Stožice di Lubiana con il gol decisivo di Lovric al 15’. In campo 90’ sia Marcelo Brozovic sia Ivan Perisic, schierati – rispettivamente – mezzala ed esterno sinistro nel 4-3-3 del c.t. Zlatko Dalić con le maglie numero 11 e 4: per entrambi non è stato un match indimenticabile (Brozo è stato ammonito al 35’ per condotta antisportiva). Contro Cipro e Malta – sempre in casa – la chance del riscatto.

Sono 58 in 90 presenze

—  

Può sorridere Romelu Lukaku, sempre più bomber all-time nella storia del Belgio con il 9 sulla schiena: nel 3-1 di Leuven contro il Galles di Gareth Bale si conferma perfetto dagli undici metri realizzando il gol numero 58 in 90 presenze con i Diavoli Rossi (di Harry Wilson il momentaneo vantaggio degli ospiti, di Kevin De Bruyne e Thorgan Hazard i colpi del sorpasso). Prestazione sufficiente per BigRom, seppur non devastante come al solito. Curiosità: come capitato negli undici rigori segnati in Serie A con l’Inter, anche ieri ha spiazzato il portiere avversario con un rasoterra di sinistro a incrociare. Prossimi impegni: sabato trasferta in Repubblica Ceca, martedì match casalingo contro la Bielorussia

Christian contro Israele

—  

Nello stesso girone della Croazia, la Slovacchia di Milan Skriniar (numero 14) non va oltre lo 0-0 nella trasferta di Nicosia contro Cipro: 90’ per il difensore nerazzurro, schierato da mister štefan Tarkovič sul centro-destra nel suo 4-3-3. Per la nazionale slovacca in programma le sfide contro Malta e Russia (sabato e martedì, sempre in casa). Gli impegni degli interisti proseguiranno oggi, con Christian Eriksen (titolare) che sfiderà Israele a Tel Aviv (ore 18). Dovrebbe partire dal 1’ pure Nicolò Barella, comunque in ballottaggio con Lorenzo Pellegrini: in tribuna Alessandro Bastoni, in panchina Stefano Sensi. Gli azzurri voleranno poi a Sofia per sfidare domenica la Bulgaria (20:45), mercoledì prossimo tocca alla Lituania (Vilnius, 20:45).

Hakimi e il suo Marocco

—  

Qualificazioni anche per la Romania di Ionut Radu, impegnato a Bucarest alle 20:45 contro la Macedonia. Si replica domenica, ancora nella Capitale, contro la Germania (stesso orario). Mercoledì si va Yerevan per affrontare l’Armenia. Infine Achraf Hakimi, che giocherà per le qualificazioni alla Coppa d’Africa: con il suo Marocco sfiderà domani la Mauritania (Nouakchott, ore 20), martedì alle 21 a Rabat arriva il Burundi.

Precedente Roma, chi parte e chi resta: ciao Dzeko, il gruppo italiani confermato in blocco Successivo Milan, ecco come "Magic Mike" Maignan impressionò Ibra. E se Gigio partisse...

Lascia un commento