Napoli senza pace, Osimhen altro addio? “Ho tante richieste, ci penserò”

Dopo le partenze di Insigne e Mertens, Victor fa tremare i tifosi azzurri: “Mi vogliono in Spagna e Inghilterra”

Alla fine sta andando come Aurelio De Laurentiis voleva. Nel senso che, seppur lentamente, il mercato si sta muovendo e le scelte del Napoli stanno portando dei sostanziali cambiamenti che rischiano di sfociare in una vera e propria rivoluzione e al momento ci fermiamo solo all’attacco della squadra che sarà ancora allenata da Luciano Spalletti. Ma quello che turba un po’ la piazza è il pericolo di poter perdere pure il centravanti Victor Osimhen. Anch’egli ritenuto cedibile, come tutti, dal club.

La cifra fissata è sopra i cento milioni. Altissima, attualmente appare fuori mercato, ma poi le parole di Victor Osimhen prima di andare in vacanza mettono un po’ i brividi ai tifosi. Dopo aver segnato 4 gol con la nazionale nigeriana, il centravanti ha dichiarato: “Non conosco il mio futuro, so che tutto può succedere, ma ora voglio solo andare in vacanza con la mia famiglia, svuotare la testa e ricaricare le batterie. Poi penseremo al resto. So che ci sono tante voci che mi vorrebbero in Spagna o in Inghilterra, ma non credo sia il momento giusto per parlarne ora che sono con la nazionale”. Parole che per certi versi somigliano a quelle dette da Kalidou Koulibaly. Dunque un’altra delle colonne del Napoli che non cita nemmeno la propria squadra di appartenenza e addirittura per certi versi “indica” le possibili destinazioni. Logico che in mezzo a tutti questi interrogativi il primo a non poter essere tranquillo è Spalletti, oltre ai tifosi.

Di certo il Napoli non si farebbe cogliere impreparato in caso di cessione a cifre altissime del nigeriano. E la soluzione preparata sarebbe quella di andare a ingaggiare l’inglese di origini (e nazionale) albanesi Armando Broja, classe 2001, che quest’anno ha fatto bene in Premier al Southampton e che gli scout azzurri seguono da tempo con grande interesse, visto i progressi mostrati dal ragazzo, già chiamato nella nazionale maggiore dal commissario tecnico, il giuliano Edy Reja. Il Chelsea intanto lo porterà in ritiro, per volere del tecnico Thomas Tuchel che vuole valutarlo. Ma se il Napoli si presentasse, forte dell’incasso su Osimhen, con un’offerta importante, il club londinese potrebbe cederlo.

Via i Bassotti e ora?

—  

“Liberarsi” di stipendi onerosi come quelli percepiti da Lorenzo Insigne e Dries Mertens e ringiovanire il parco attaccanti è un obiettivo legittimo da perseguire per un club. Sul monte ingaggi parliamo di una sforbiciata da quasi 20 milioni lordi, anche se certi “teatrini” si potevano evitare. E allora senza inseguire colpevoli o farsi cogliere dalla nostalgia bisognerà valutare – unico giudice il campo – come saranno sostituiti i migliori cannonieri di tutti i tempi (270 gol in due: 148+122) perché una squadra è fatta di equilibri. E nella stagione appena conclusa la difesa è stata la migliore, mentre in attacco serve fare qualcosa in più. Dunque in arrivo c’è già la certezza del georgiano, classe 2001, Khvicha Kvaratskhelia, più potente rispetto a Insigne e tecnicamente valido. Mentre avanza la trattativa con l’Udinese per Gerard Deulofeu. Il club friulano vorrebbe oltre 20 milioni il Napoli sembra disponibile con i bonus ad arrivare intorno ai 18: i buoni rapporti fra i Pozzo e De Laurentiis potranno smussare gli angoli.

Ma i cambiamenti in attacco potrebbero non finire qui. C’è il Monza di Silvio Berlusconi che appare interessato a tre giocatori del Napoli, tutti attaccanti: il centravanti Petagna e gli esterni Politano e Ounas. Ancora è presto per parlare di trattative, ma anche in questo caso il Napoli si sta preparando per le alternative. Ed ecco che il centravanti “di scorta” potrebbe essere il bosniaco, naturalizzato italiano, Milan Djuric, classe 1990, che bene ha fatto alla Salernitana e ancora non ha firmato il rinnovo. Poi magari non andranno via tutti, ma c’è il rischio che quasi tutti i 7 attaccanti dell’ultima stagione cambino squadra. Due l’hanno già fatto, quattro sono in ballo. Al momento l’unico che non ha avuto offerte è il messicano Lozano.

Precedente Cosenza, Bisoli non sarà l'allenatore la prossima stagione Successivo Lutto in casa Torino, è morto Giuseppe Cairo. Aveva 90 anni

Lascia un commento