Napoli-Juve, storia infinita e sempre polemica. Osimhen l’ultima tappa…

Dal rimando del match di andata della scorsa stagione, con ribaltamento dell’iniziale vittoria a tavolino per i bianconeri, alla recente vicenda dei sudamericani

La storia infinita di Napoli-Juventus si ripropone anche quest’anno. E per adesso sorride più alla formazione di Luciano Spalletti, come nella passata stagione. A tenere banco il rientro dei sudamericani fuori tempo massimo per prendere parte al match: l’ultimo bilancino, però, fa emergere il problema quasi solo in casa Juve.

PRECEDENTE

—  

Già lo scorso anno il match era stato al centro di mille discussioni. A seguito delle positività al Covid di Elmas e Zielinski, l’Asl di Napoli blocca la trasferta della formazione di Gattuso a Torino, il 3 ottobre. Ma alla luce della conferma del match in quelle ore per decisione della Lega, la Juve si presenta in campo da sola e il 14 ottobre successivo ottiene la vittoria a tavolino, assegnata dal giudice sportivo, mentre al Napoli viene inflitto un punto di penalizzazione in classifica. Dunque la trafila dei ricorsi: il 10 novembre la Corte d’appello federale rigetta il ricorso di De Laurentiis; il 4 dicembre il Napoli si rivolge al CONI, così il 22 dicembre il Collegio di Garanzia, in terzo grado di giudizio, annulla la precedente sentenza e al successivo 14 gennaio il match viene rimesso in calendario.

QUI JUVE

—  

Stavolta la questione ha connotati completamente diversi. Allegri non potrà contare sui giocatori sudamericani per la trasferta del Maradona perché torneranno a ridosso del match, troppo tardi. Out, di conseguenza, Alex Sandro, Danilo, Dybala, Bentancur e ancora in forse Cuadrado. Quest’ultimo potrebbe rientrare direttamente a Napoli insieme a Ospina, fondamentale per Spalletti dopo l’infortunio di Meret. Mentre McKennie è già tornato alla Continassa dopo l’esclusione dagli USA per non aver rispettato il protocollo anti-Covid. In forte dubbio anche Chiesa, che nelle ultime ore ha accusato un problema al flessore e potrebbe non essere a disposizione.

QUI NAPOLI

—  

Va decisamente meglio al Napoli. Detto di Ospina, che sarà l’ultimo rientrante in extremis direttamente in albergo (volo organizzato dalla federazione colombiana dopo il match con il Cile), Lorenzo Insigne ha lasciato il ritiro della Nazionale azzurra per motivi di famiglia ma contro la Juve dovrebbe esserci senza alcun problema. In forse Lobotka, che si è infortunato nel corso del match tra Slovacchia e Cipro. Mentre Osimhen ha ottenuto la riduzione della squalifica e dunque sarà regolarmente in campo per il match.

Precedente Tanzania record: col Madagascar rigore dopo soli 5” Successivo Genoa-Samp è anche il derby degli adesivi! Simboli rossoblù sui punti vendita blucerchiati

Lascia un commento