Napoli, i dubbi di Spalletti per la mediana. Anguissa già titolare?

Difesa e attacco non dovrebbero presentare differenze rispetto alle previsioni. In mezzo invece…

Il borsino di giornata non dovrebbe riservare novità di rilievo. Luciano Spalletti è in pausa di riflessione, sta ragionando su quale Napoli opporre alla Juventus, sabato pomeriggio. Non è che abbia tante opportunità di scelta, considerato l’organico ridotto per gli infortuni di Demme, Mertens, Zielinski, Ghoulam e Lobotka. Difesa e attacco non dovrebbero presentare differenze rispetto alle previsioni. Più complicato sarà mettere a posto il centrocampo. Ma analizziamo, reparto per reparto, le varie situazioni.

DIFESA

—  

David Ospina giocherà, anche se dovesse arrivare un’ora prima dell’inizio della gara. Il suo rientro in Italia, in ogni modo, è previsto per domani pomeriggio. Il Napoli non può farne a meno, perché Meret è infortunato ed è improbabile che Spalletti possa affidarsi al terzo portiere, Marfella, in una partita così delicata. I quattro davanti al portiere sono i soliti, con Di Lorenzo a destra (per lui è arrivato anche il primo gol in nazionale, contro la Lituania), Manolas e Koulibaly formeranno la coppia centrale, che dovrà dedicarsi a Morata e, probabilmente, a Chiesa se dovesse giocare. A sinistra, il solito Mario Rui le cui attenzioni dovrebbero essere tutte per Kulusevski.

CENTROCAMPO

—  

I dubbi di Spalletti sono tutti concentrati sulla mediana. Dicevamo delle assenze di Demme, Zielinski e Lobotka, che costringeranno l’allenatore a inventarsi il centrocampo avendo a disposizione un solo titolare, Fabian Ruiz, che dovrebbe giocare con Anguissa e Elmas. Se così fosse, per il nazionale del Camerun, ultimo arrivato, si tratterebbe dell’esordio con il Napoli e in serie A. L’ex Fulham è arrivato soltanto ieri pomeriggio, a Castel Volturno, ed ha avuto giusto il tempo di potersi presentare a Spalletti e ai nuovi compagni per poi gettarsi subito nella mischia e partecipare al primo allenamento. Oggi, l’allenatore lo proverà nello schema che opporrà alla Juventus per dargli modo di accelerare la conoscenza e l’intesa con il resto della squadra.

ATTACCO

—  

Le incertezze dell’allenatore sono state cancellate dalla sentenza della Corte d’Appello che gli ha restituito Victor Osimhen. Con la riduzione ad una sola giornata della squalifica (scontata già contro il Genoa), il centravanti nigeriano sarà regolarmente al suo posto per sfidare la difesa juventina con le sue accelerazioni. Per il resto, Politano verrà preferito a Lozano, sulla destra, mentre Insigne spazierà sulla sinistra senza rinunciare ad accentrarsi per meglio assistere i compagni e tentare la conclusione.

Precedente Juventus, bilancio 2021 in rosso/ Stangata per Agnelli, Exor: "Perdita significativa" Successivo Juve, per l'attacco più Chiesa di Kean. Chance per De Sciglio e Kulusevski?

Lascia un commento