Miretti: “Maglia di Xavi al provino Juve. In Italia sui vivai si sbaglia”

Miretti, la Juve e i giovani

Successivamente il centrocampista azzurro ha voluto dire la sua in merito ai settori giovanili in Italia: “La gente pensa che hai un buon vivaio se vinci titoli al livello di Under 16, Under 17 o Primavera, ma non è così. La Juve è arrivata a capire che non importa quanto vinci, ma conta quanto i giocatori sono pronti a giocare in campionati “veri” e quanto presto possono fare il salto. Nell’anno in cui ero con la Primavera giocavo anche con la Next Gen a volte. La mia impressione fu che la Serie C era molto più fisica. C’è meno intensità in Primavera, ma c’è spazio per più abilità così hai tempo per pensare e provare cose. In Serie C è tutto più veloce. Avevo 17 o 18 anni a quel tempo, e lì si gioca con ragazzi molto più grandi e forti. In Primavera, invece, quasi tutti hanno la stessa altezza e lo stesso peso, puoi averci a che fare più facilmente“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente L'ultimo saluto di Firenze a Joe Barone. Commisso: "Vivrà sempre nei nostri cuori" Successivo Un talento al giorno, Emmanuel Michael: un terzino tuttofare per il futuro della Nigeria

Lascia un commento