Milan, Pioli è già in clima derby: “Meglio Ibra di Lukaku”

MILANO – Come si vince un derby che può valere il controsorpasso in vetta? A spiegarlo al Milan, alla vigilia della sfida contro l’Inter è Stefano Pioli: “Serviranno testa fredda e cuore caldo – dice il tecnico rossonero in conferenza stampa -. Èn derby che non si vedeva da tantissimo con una classifica importante per entrambe le squadre, siamo concentrati e vogliosi. Questo tipo di partite sono sempre equilibrate, vincerà chi avrà più compattezza in difesa e qualità e precisione nelle giocate”.

“Lukaku? Meglio Ibra”

Decisivi possono però anche essere i singoli. E Pioli si ‘coccola’ i suoi, a partire da Tonali: “Sono convinto che abbia un potenziale enorme, ma è un ragazzo giovane al primo anno a certi livelli. Sta crescendo bene”. Poi sul duello Lukaku-Ibrahimovic dopo le scintille del match di Coppa Italia: “Mi tengo tutta la vita Ibra – ha detto il tecnico del ‘Diavolo‘ -, ma complimenti a Lukaku che sta mostrando di essere un grande giocatore. Se ho detto qualcosa a Zlatan? Quello che è successo un mese fa è una cosa che non sarebbe dovuta succedere. Sono sicuro che domani ci sara’ tanta correttezza”.

Cordoglio per Bellugi

Il grande rammarico è vivere una sfida così, ad altissima quota, nel silenzio di un Meazza che senza l’emergenza coronavirus sarebbe stato stracolmo: “È un dispiacere enorme – ha detto Pioli – anche se i nostri tifosi continuano a dimostrare di essere davvero speciali, ci sono sempre vicini e ci danno molta forza. Ho apprezzato anche l’iniziativa del club Derby Together, così sentiamo i nostri tifosi vicini e diamo una mano a chi è in difficoltà. Speriamo però sia l’ultimo senza tifosi”. A San Siro mancherà poi anche l’ex interista Bellugi, scomparso a 71 anni, a cui il tecnico del Milan ha voluto dedicare un pensiero: “Abbiamo appena saputo della tragica e prematura scomparsa, ci tengo a fare le mie più sentite condoglianze ai familiari”.

Precedente Benevento-Roma, la conferenza stampa di Fonseca Successivo Il primo maestro di Gigio: "L'ho visto crescere. Fosse per lui, firmerebbe per il Milan a vita"

Lascia un commento