Messias: “Milan, siamo da scudetto. Ripagati tutti i miei sacrifici”

MILANO – L’ultimo colpo di mercato del Milan, Junior Messias, si presenta in conferenza stampa: “Essere al Milan è il massimo della vita. Arrivare qua per me è motivo di orgoglio e soddisfazione. Sono stati pagati lavoro e sacrifici che ho fatto. Questa maglia ha una storia impressionante e sono orgoglioso di vestirla”. Queste le prime parole del calciatore brasiliano, arrivato in rossonero a 30 anni, dopo esperienze in serie minori e di lavori extra calcio per guadagnare abbastanza.

Milan, la terza maglia 2021-22 è total black. Giroud tra i testimonial

Guarda la gallery

Milan, la terza maglia 2021-22 è total black. Giroud tra i testimonial

Lo scudetto? È possibile

“Arrivare a Milanello e trovare giocatori importanti e un allenatore importante, sono emozioni che si provano poche volte nella vita. Serve cultura del lavoro? Ci sono tante componenti da mettere insieme, lavoro e talento non bastano, serve molto per fare bene”, spiega l’attaccante che è protagonista di una storia di vita fatta di sacrifici e sogni. Da brasiliano, con numeri notevoli in fatto di dribbling riusciti, Messias vuole portare “un po’ di fantasia nel calcio” ma prima di tutto mettendosi a disposizione del mister. Il sogno è vincere e lo scudetto, secondo Messias, è possibile: “Già lo scorso anno il Milan poteva vincere lo scudetto. Ho visto una squadra aggressiva che ha voglia di vincere, ci sono giocatori importanti e ci proveremo. La notte della mia trattativa? Non ho dormito, aspettavo la notizia e alle 2 di notte mi ha chiamato il mio procuratore, poi ho parlato con i dirigenti… ero contentissimo”.

Giroud infiamma il Meazza con una doppietta: poker Milan al Cagliari

Guarda la gallery

Giroud infiamma il Meazza con una doppietta: poker Milan al Cagliari

MisterCalcioCup, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!

Precedente Under 21 Italia-Lussemburgo dove vederla: orario, diretta tv e streaming, probabili formazioni Successivo Rudi Garcia: "Napoli, ti spiego chi è Anguissa"

Lascia un commento