L’Under 21 vuole il primo posto. Nicolato: “Ma la Svezia ci farà soffrire”

Il c.t. alla vigilia: “Fanno un gioco propositivo. Esposito e Ricci out, Lucca in dubbio”

Operazione sorpasso. Con la Svezia, domani a Monza (inizio ore 17.30) l’Italia Under 21 ha l’occasione di prendersi il primo posto nel girone di qualificazione all’Europeo 2023, ora comandato proprio dagli svedese, che però hanno una partita in più. “Mi aspetto partita di alto livello – ha spiegato il c.t. Nicolato -, la Svezia ci farà soffrire in certi momenti, non sarà una gara a senso unico né da una parte né dall’altra. Dovremo saper attaccare e difendere bene. Loro fanno gioco propositivo, orientato alla porta avversaria. Queste sono partite che ci fanno crescere, come ci ha fatto crescere l’ultimo quarto d’ora in Bosnia: quel finale a Zenica ci fa capire che al nostro livello non c’è mai niente di scontato”. Nicolato la definisce una “partita chiave” perché la Svezia è, con l’Irlanda, l’avversaria più accreditata per il primato nel girone: “Squadra molto applicata e fisica, il più piccolo è 185 centimetri”.

DUBBIO LUCCA . OUT RICCI ED ESPOSITO

—  

In dubbio invece il gigante azzurro, Lorenzo Lucca, di cui si è parlato molto negli ultimi giorni per un interessamento del Milan: “Ha avuto qualche problemino fisico, ieri si è allenato a parte. Non è facile né dal punto di vista agonistico, perché ha giocato solo 5-6 partite in Serie B e non è abituato al contesto internazionale, e soprattutto emotivamente per lui non è un momento semplice da gestire visto che ha attirato tante attenzioni”. Per il resto, Nicolato cerca continuità, dunque non dovrebbero esserci grandi cambiamenti nella formazione rispetto a quella che ha affrontato e battuto la Bosnia. Uniche assenze certe quelle di Samuele Ricci, risentimento muscolare, e Sebastiano Esposito, leggero trauma distorsivo alla caviglia sinistra.

Precedente Digne esalta Spalletti e su Ancelotti: "Trova sempre la chiave" Successivo Juve, operazione rimonta: tra Roma e Fiorentina, 21 giorni per rimettersi in corsa

Lascia un commento