L’Under 21 fa due su due: contro il Montenegro basta un gol di Colombo

A Vicenza l’Italia batte Montenegro: avanti tutta a punteggio pieno. Secondo match e seconda vittoria per gli azzurrini di Nicolato

Dal nostro inviato Alex Frosio

7 settembre – VICENZA

Rispetto all’esordio con Lussemburgo, sono tre le novità: centro difesa tutto nuovo, con il rientro di Lovato e il debutto del ragazzo di casa Okoli, e Yeboah a destra, con Colombo che fa il centravanti e il confermatissimo Cancellieri a sinistra. La novità è anche un 4-3-3 più definito, con i terzini che partecipano e sempre con i tre della mediana che si scambiano posizioni.

IL PRIMO TEMPO

—  

Proprio lì nascono però i problemi dell’Italia: lo spazio tra centrocampo e linea d’attacco è territorio di maglie rosse, perché nessuno dei tre mediani riesce a ricevere in quella zona (si migliora quando Ricci capisce di doverla occupare meglio), né lo fanno gli esterni che raramente entrano in campo. Yeboah perde un paio di uno contro uno presto e si demoralizza, di là invece Cancellieri sembra ispirato, ma l’Italia fa fatica a servirlo. La partita stenta a decollare: si segnala solo una mischia al 9′, con Yeboah e Colombo murati in angolo. La prima conclusione arriva solo al 27′: Bellanova da destra crea superiorità e trova Bellanova solo in trequarti, il genoano prepara il tiro ma lo schiaccia a lato. Un minuto dopo l’unica vera chance: Colombo attiva Cancellieri, dribbling a rientrare e destro centrale che il portiere Ivezic respinge. Al 41′ ancora Rovella ha tempo e spazio per andare al tiro dal vertice destro dell’area ma lo fa girare in curva, mentre al 47′ Colombo riesce finalmente a farsi spazio in area, chiuso da Izevic. Poco. Di buono c’è la voglia di fare la partita, la fisicità e l’aver annullato qualsiasi minaccia: con Lussemburgo gli azzurri avevano lasciato chance, stavolta niente, perché i nostri impongono muscoli che a questo livello fanno tanto.

NELLA RIPRESA

—  

La ripresa si apre con Yeboah e Cancellieri a posizioni invertite, e così arriva il gol. All’8′ Yeboah spinge a sinistra e allarga verso destro dove il movimento di Cancellieri ha aperto lo spazio per Bellanova, che mette in mezzo un pallone basso: Colombo lo stoppa, difende con il fisico e si avvita con il sinistro all’angolo lontano. Vantaggio azzurro. Il che costringe il Montenegro a “uscire”. Al 16′ il primo intervento di Carnesecchi, su un destraccio di Krstovic. Nicolato immette Mulattieri per Yeboah e Lucca per il match-winner Colombo. La torre di Pisa al 31′ sfiora il raddoppio con una gran giocata: su invito verticale di Calafiori – entrato per Udogie infortunato – dribbla all’interno in corsa ma alza la mira con il destro. L’Italia spreca, ancora con Rovella al 36′: doppio dribbling ma destro a incrociare largo. E al 47′ si rischia la beffa, su contropiede che Krstovic conclude di potenza. Carnesecchi si oppone a mani unite e difende la vittoria.

Precedente Inter, Marotta: "Il rinnovo di Lautaro e degli altri? Siamo a buon punto" Successivo Piqué e il retroscena su Shakira: cosa successe con Guardiola

Lascia un commento