Le atlete (atleti?) transgender sono concorrenza sleale, protestano le donne in Usa: non li vogliono nudi

Le atlete (atleti?) transgender sono concorrenza sleale, protesta delle donne: non li vogliono nudi nello spogliatoio con gli attributi maschili esposti. Oltre una dozzina di atlete hanno fatto causa alla National Collegiate Athletics Association per aver consentito ad atlete transgender di competere contro di loro e di utilizzare gli spogliatoi femminili negli sport universitari. ‘Stavo gareggiando per medaglie d’oro olimpiche, ha scritto una atleta al Tribunale, e mi stavo cambiando in un ripostiglio. La mia privacy e la mia sicurezza venivano violate nello spogliatoio”.

Al centro della causa collettiva, riferisce  Francesca Block su The Free Press,  c’è Lia Thomas, l’atleta trans che ha dominato i Campionati di nuoto NCAA del 2022 mentre era studentessa all’Università della Pennsylvania. La causa afferma che sia la NCAA che la Georgia Tech, che ha ospitato l’evento, hanno consapevolmente violato il Titolo IX, lo statuto federale che garantisce pari opportunità per uomini e donne nell’istruzione universitaria e nello sport.

La causa, la prima azione federale di questo genere, mira a cambiare le regole, rendendo qualsiasi maschio biologico non idoneo a competere contro le atlete. Chiede alla NCAA di revocare tutti i premi assegnati agli atleti trans nelle competizioni femminili e di “riassegnarli” alle loro contendenti. Chiede inoltre “il risarcimento del danno per dolore e sofferenza, disagio mentale ed emotivo, sofferenza e ansia, spese e altri danni dovuti alla condotta illecita degli imputati”.

Nel 2022, Thomas ha conquistato il titolo di 500 yard stile libero ai campionati femminili di nuoto e tuffi della divisione I della NCAA ed è stato nominato All-American in tutti e tre gli eventi a cui ha partecipato. Thomas ha gareggiato per la prima volta per la squadra di nuoto maschile dell’Università della Pennsylvania come maschio da dal 2017 al 2020, ma in quel periodo non ha mai raggiunto i campionati NCAA.

Dopo due anni di terapia ormonale, Thomas è passato alla squadra femminile, sbaragliando le concorrenti donne sia nelle gare sprint che in quelle di resistenza. Il passaggio di Thomas in squadra ha significato anche un cambio dello spogliatoio. La causa accusa la NCAA di “distruggere gli spazi sicuri femminili negli spogliatoi femminili”, in violazione del Quattordicesimo Emendamento.

Si sostiene che l’associazione permette “agli uomini nudi che possiedono genitali maschili completi di spogliarsi di fronte a donne universitarie non consenzienti” e crea “situazioni in cui atlete universitarie riluttanti, inconsapevolmente o con riluttanza, espongono i loro corpi nudi agli uomini, sottoponendo le donne a una perdita della loro diritto costituzionale alla riservatezza fisica”.

Kylee Alons, una querelante nella causa che nuotava per lo stato della Carolina del Nord, ha detto a The Free Press che era così a disagio sapendo che Thomas stava usando lo spogliatoio femminile ai campionati che Alons ha iniziato a cambiarsi in un “ripostiglio scarsamente illuminato” che ha trovato sotto le gradinate.

Riley Gaines e Kaitlynn Wheeler, altre due querelanti che nuotavano entrambe per l’Università del Kentucky, hanno detto di aver scoperto per la prima volta che Thomas, che è alto più di un metro e ottanta, aveva accesso allo spogliatoio femminile quando Thomas li oltrepassò mentre si cambiavano. tute da corsa. Gli abiti sono così stretti che “richiedono 15-20 minuti per essere indossati”, afferma la causa.
“Mentre lo fai, sei esposto”, ha detto Wheeler. “Non puoi stare lì e tenerti un asciugamano addosso mentre indossi la tuta allo stesso tempo.”
“Mai in 18 anni di carriera avevo visto un uomo cambiarsi negli spogliatoi. Ho sentito immediatamente il bisogno di coprirmi”, ha aggiunto Wheeler, che ha detto di essere stata esposta dalla vita in su in quel momento. “Potevo sentire il disagio delle altre ragazze lì dentro.”

La causa, organizzata dall’Independent Council on Women’s Sports, afferma inoltre che la decisione della NCAA di consentire a Thomas di competere contro donne si basa sulla “premessa illegale” che “la soppressione del testosterone e la scelta personale da sole possono rendere un maschio idoneo a competere in una competizione femminile”. squadra sportiva.” Si afferma che le regole dell’associazione consentono “gli uomini di competere in squadre femminili con un livello di testosterone che è cinque volte superiore al livello di testosterone più alto registrato per le atlete d’élite”.

Precedente Lucchese, Gorgone: "Tra noi e il Cesena gap di 40 punti, dislivello evidente" Successivo Scatto per Bellanova, concorrenza battuta: giocherà in una big

Lascia un commento