Lazio-Juve, con Vlahovic out Allegri potrebbe giocarsi la carta Sekulov

Allenamento mattutino per la Juventus in vista della trasferta all’Olimpico contro la Lazio in programma sabato 30 marzo alle 18, valida per la trentesima giornata di Serie A. Il gruppo bianconero, che da ieri ha ritrovato i giocatori partiti per gli impegni con le nazionali e ormai sempre più vicini alla sfida contro i biancocelesti, si è concentrato soprattutto sulle esercitazioni per reparti, impegnando i difensori in modo particolare sui cross mentre centrocampisti e attaccanti hanno lavorato più sulle combinazioni di gioco. 

Milik e Alcaraz assenti  contro la Lazio

Al Training Center si è poi passati a esercitazioni sulla costruzione della manovra avanzata contro il pressing avversario, per concludere con una partitina finale. Arkadiusz Milik e Carlos Alcaraz sono ancora indisponibili e non partiranno per Roma. Con Vlahovic assente invece per squalifica, possibile convocazione per Nikola Sekulov, esterno offensivo classe 2002 che milita nella Next Gen. Allegri pensa anche a Kean per la trasferta di Roma contro la Lazio: il classe 2000 è il grande favorito per affiancare Chiesa ed è dall’11 novembre scorso contro il Cagliari che non gioca dal primo minuto. A centrocampo quindi si va verso un reparto formato da McKennie e Rabiot come mezzali e Locatelli in regia. Cambiaso e probabilmente Iling-Junior saranno i due esterni a tutto campo, in difesa spazio al terzetto titolare Gatti-Bremer-Danilo. In porta, ovviamente, giocherà Szczesny, galvanizzato dalla parata sul rigore decisivo contro il Galles che ha portato la sua Polonia ad Euro 2024.

Allegri, quando parla in conferenza stampa

Domani alle 11 è in programma la conferenza stampa pre-partita di Massimiliano Allegri. Il programma di venerdì 29 marzo prevede un allenamento pomeridiano della squadra prima della partenza in direzione Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Lucas Beltran, craque ancora a metà. Pagato oltre 20 milioni dalla Fiorentina Successivo CorSera in apertura con le parole di Acerbi sulla sentenza: "Triste, abbiamo perso tutti"

Lascia un commento