La Roma vola in Europa, Spugna: “Risultato incredibile, ora testa al derby”

ROMA – La Roma batte 8-0 la Sampdoria e conquista definitivamente la storica qualificazione in Champions League. Nel giorno in cui la Juve, in virtù del 3-1 al Sassuolo vince il suo quinto Scudetto, le giallorosse di Spugna sovrastano le blucerchiate e consolidano il secondo posto in classifica a quota 51 punti, guardando con grande ottimismo al derby contro la Lazio, ultima gara di campionato, e alla finalissima di Coppa Italia con la Juventus, in programma domenica 22 maggio a Ferrara. Al Tre Fontane è una vera pioggia di gol, e ad aprire le danze ci pensa Serturini, alla sua 100ª presenza in giallorosso: “Sembra ieri la prima volta in cui ho indossato i colori giallorossi – commenta l’esterno d’attacco – Quel giorno iniziava la nostra storia e noi eravamo consapevoli di avere il dovere di onorare questa maglia. È una grande responsabilità che sento mia da sempre. È vero, non sono nata qui, ma da questa città e da questo calore ti senti adottata da subito e non puoi non cercare di sdebitarti. Cento volte grazie a coloro che hanno condiviso questo con me. È stato bellissimo festeggiare in una giornata storica. Sono tanto orgogliosa di tutto questo”.

Spugna: “Le ragazze sono state bravissime, ora testa al derby”

La qualificazione in Champions League era l’obiettivo che a un certo punto della stagione abbiamo capito di poter raggiungere e le ragazze sono state davvero bravissime, perché la percentuale di errore era zero per riuscirci. Abbiamo raggiunto un risultato incredibile ed è bellissimo – dichiara Spugna – Avevamo anche qualche assenza importante contro la Samp, ma la forza del gruppo si è vista e anche chi ha giocato meno è stato decisivo in questa gara così importante. Adesso cercheremo di lavorare bene in settimana per fare un bel derby e poi prepareremo la finale di Coppa Italia, siamo i dententori e dovremo dare tutto contro un avversario grande a cui facciamo i complimenti per la vittoria del campionato”.

Precedente Juve, in coppa c'è un finale da scrivere: Chiellini alla notte dell'ultimo ballo Successivo Juve-Inter, Inzaghi e il dubbio Bastoni: il difensore vuole esserci

Lascia un commento