La Roma non molla Zakaria: è lui l'obiettivo per gennaio

Il Borussia Mönchengladbach lo nasconde, la Svizzera lo espone. C’è un intreccio di mercato dietro al momento di Denis Zakaria, centrocampista che la Roma proverà a comprare già nel mercato di gennaio. La trattativa per il rinnovo del contratto, scadenza il prossimo 30 giugno, è in stand-by e ha spinto il club a tenerlo fuori squadra: nelle prime tre partite di Bundesliga Zakaria ha giocato solo un tempo, entrando dalla panchina prima della sosta contro l’Union Berlino. Ma il giocatore vale, vale molto. Se ne è accorta l’Italia che ne ha sofferto domenica a Basilea le qualità fisiche e dinamiche.  

Il quadro

Zakaria, originario della Repubblica Democratica del Congo, era stato sondato durante la sessione estiva da Tiago Pinto dopo il collasso dell’affare Xhaka. Non si tratta dello stesso tipo di calciatore, è bene chiarirlo: Xhaka è un playmaker veloce di pensiero, Zakaria è una mezzala robusta capace di intercettare l’azione e ribaltare il fronte. Ma sarebbe comunque un innesto prezioso per la Roma, che sta cercando rinforzi nel reparto e al contempo di vendere Diawara e Villar. A gennaio i discorsi si potrebbero riaprire, a prezzi decisamente più convenienti: i tedeschi ad agosto volevano 20 milioni, mentre a pochi mesi dalla scadenza del contratto si accontenterebbero della metà.  

La strategia della Roma

Per un ragazzo del 1996 l’investimento non sarebbe spropositato. Intanto Zakaria ha cambiato procuratore, proprio perché non soddisfatto di essere rimasto a Mönchengladbach dopo una stagione molto positiva. La Roma, che ha garantito a Mourinho di essere disposta a comprare ancora, è pronta ad approfittare dell’impasse.

 Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

MisterCalcioCup, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!

Precedente Monterosi, lezione di stile: pulito lo spogliatoio dopo la partita Successivo Roma, ansia per Pellegrini: esami clinici nelle prossime ore

Lascia un commento