La guida al Mondiale in Qatar, i pronostici di Trezeguet e Stramaccioni

Kylian Mbappé, campione uscente con la Francia, in copertina di questo numero di Sportweek. All’interno le interviste ai due ex Juve e Inter, ma anche il ritratto di Maci Battaglini e le parole di Tiziano Ferro

Un Mondiale mai visto quello che comincia domenica in Qatar: il primo in un Paese arabo, il primo d’inverno e, ahinoi, il secondo consecutivo senza l’Italia. Ma ci sarà comunque da divertirsi per un mese con quasi tutte le stelle del calcio impegnate negli avveniristici stadi di Doha e dintorni. Presente anche Sportweek che va in edicola con la Gazzetta domani (al prezzo di 2 euro complessivi per quotidiano e magazine) con uno speciale Mondiale da non perdere, una guida che vi accompagnerà fino al termine della manifestazione. La detentrice è la Francia di Deschamps e Mbappé, e resta tra le favorite.

TREZEGOL

—  

Perciò per introdurre i nostri lettori in questo Mondiale abbiamo intervistato David Trezeguet, francese campione del mondo 1998, in campo anche nel 2002 e finalista nel 2006. Secondo Trezegol le favorite sono Argentina, Brasile e Francia “che è la squadra che ha più alternative in attacco”. Ma indulge alle proprie radici albicelesti quando dice che “Messi meriterebbe di chiudere con una Coppa del Mondo, servirebbe a tutto il Paese”. E avverte: “Occhio al Portogallo, perché Leao è in crescita, si diverte ed è fantastico da vedere”.

STRAMA

—  

Nelle particolarità del Paese organizzatore invece ci introduce Andrea Stramaccioni che in Qatar ha allenato e vive ma non rinuncia a un parere tecnico: “Il Brasile è il più forte, la Francia ha qualche problema interno. Iran e Senegal saranno le sorprese”. Quindi, girone per girone, le schede con tutto quanto c’è da sapere di ogni squadra, dall’allenatore ai calciatori più attesi, dalla formazione tipo alla valutazione della Gazzetta.

LE ALTRE RUBRICHE

—  

In tutto sono quasi 80 pagine dedicate che, insieme alle nostre consuete rubriche lasciano poco spazio per il resto. Tra questo, però, non perdete il ritratto di Maci Battaglini, il primo grande rugbista italiano, e l’intervista a Tiziano Ferro in occasione del nuovo disco che in estate porterà in tour. S’intitola, guarda caso, “Il mondo è nostro”.

Precedente Strette di mano, fotografie e baci: 10 cose che non si possono fare in Qatar Successivo Pafundi: "Coronato un sogno che avevo sin da bambino"

Lascia un commento