La giornata dei flop a sorpresa: Insigne giù, con lui De Vrij e Acerbi

Male anche Freuler, colpevole sul secondo gol del Milan, e Milinkovic Savic. Il serbo, dopo la rete nel derby di una settimana fa, torna a faticare come tutta la Lazio. Disastro Spezia

Dopo tante gare giocate in pochi giorni arriva una sosta benedetta da diversi giocatori e allenatori. Vediamo chi ha fatto decisamente male in quest’ultimo turno di campionato, conclusosi ieri sera con la bella vittoria del Milan a Bergamo.

IL NAPOLI VOLA, INSIGNE NO

—  

Altro errore dal dischetto per il capitano azzurro (voto 5 – 33 crediti), una delle delusioni fantacalcistiche di giornata. Dopo il tiro sbagliato col Venezia (e poi segnato successivamente su altro penalty concesso dalla distratta retroguardia arancioneroverde), Insigne si fa ipnotizzare da Dragowski: per sua fortuna l’accorrente Lozano deposita in rete e permette al Napoli di rientrare nel match. Oltre all’errore dal dischetto, non conforta la prestazione del “24” azzurro che si è concesso tante pause nel corso del match.

GLI INSOSPETTABILI

—  

Una giornata che vede diversi “regolaristi” e “top” di ruolo sbagliare completamente i match. Come Acerbi (voto 4.5 – 14 crediti), uno dei difensori, di norma, più affidabili espulso nel lunch-match stravinto dal Bologna. Anche Hysaj (voto 4,5) affonda come tutta la retroguardia biancoceleste. Insufficienza pesante anche per De Vrij (voto 4,5 – 19 crediti), altro alfiere del bel voto in completa balia dell’attacco neroverde, soprattutto nel primo tempo. Deludono, infine, Milinkovic-Savic (voto 5 – 30 crediti) e Freuler (voto 4,5 – 17 crediti): il primo in ombra dopo un derby da protagonista; il secondo si fa rubare palla ingenuamente da Tonali dando il là alla splendida vittoria rossonera.

DISASTRI IN SERIE

—  

Lo Spezia naufraga sotto i colpi del Verona. Zoet (voto 4,5) non riesce a limitare il passivo. Male anche Lukic (voto 5) nel derby perso dal Torino. Insufficienza piena, infine, anche per Luis Muriel (voto 5 – 34 crediti). Il suo ingresso non ha cambiato il volto del match nonostante il sussulto d’orgoglio della Dea.

Precedente Tonali e Barrow super, c'è gloria anche per Montipò. Bentornato Quaglia Successivo Lukaku: "Eriksen? All'Inter stavo più con lui che con la mia famiglia"

Lascia un commento