Juve su Paredes con Arthur al Valencia: fattore Gattuso

TORINO – I tasselli del contorno cominciano ad andare al loro posto ed è il primo passo perché la Juventus riesca a completare il mosaico al cui centro c’è Leandro Paredes in maglia bianconera. Ma partiamo, appunto, dal contorno: ossia dall’operazione in uscita da parte della società bianconera indispensabile per poter affondare sull’argentino e dall’operazione in entrata da parte del Paris Saint-Germain che può, invece, favorire l’addio a Paredes.

Juve in emergenza per il Sassuolo: la probabile formazione di Allegri

Guarda la gallery

Juve in emergenza per il Sassuolo: la probabile formazione di Allegri

La prima è la cessione di Arthur. In prestito, perché il peso a bilancio di 47 milioni impedisce di poterlo vendere senza mettere a bilancio una minusvalenza da incubo. Prestito su cui c’è già un’intesa di massima con il Valencia, con cui va però sciolto il nodo relativo all’ingaggio del brasiliano: 5 milioni netti che per la Juventus corrispondono a 6,5 lordi grazie al decreto crescita, ma che per il Valencia sarebbero 9,5. Il club spagnolo chiede un contributo a quello bianconero e proprio quello è il suddetto nodo. Nodo che Arthur potrebbe contribuire a sciogliere accettando una riduzione dell’ingaggio. Perché? Perché a Valencia può avere abbastanza spazio per conquistarsi un posto al Mondiale. Né lui né la Juventus possono invece contribuire a sciogliere l’altro nodo: il Valencia deve cedere un extracomunitario per ingaggiare il brasiliano. Ma l’uno e l’altro sembrano solo questione di tempo, tanto che ieri c’è stato un contatto tra Rino Gattuso, nuovo tecnico della squadra spagnola, e Arthur: al quale Ringhio ha voluto confermare la volontà di puntare su di lui. Un’esposizione in prima persona che dimostra la convinzione di poter chiudere l’operazione.

Juve, subito uno: avanti tutta sul vice Vlahovic

Guarda la gallery

Juve, subito uno: avanti tutta sul vice Vlahovic

Una volta ceduto Arthur e sgravatasi del suo ingaggio (o almeno di una parte), la Juventus potrebbe muoversi con più libertà e decisione con il Psg per Paredes. Il quale, da parte sua, sarebbe già pronto a fare le valigie per Torino, dove ritroverebbe Angel Di Maria, amico e compagno di Nazionale, e maggiore spazio in campo. Spazio che a Parigi rischia di restringersi ulteriormente, visto che ieri il Psg ha praticamente concluso l’acquisto di Renato Sanches dal Lilla: ed è questo l’altro tassello del contorno dell’operazione Juventus-Paredes andato al proprio posto, perché lo stesso Psg a questo punto dovrebbe essere più morbido nella trattativa per l’argentino.

Juve, Pogba e Villar Perosa: l'ultima volta nel 2015 FOTO

Guarda la gallery

Juve, Pogba e Villar Perosa: l’ultima volta nel 2015 FOTO

Alla Juventus resterà, una volta ceduto Arthur o comunque una volta avviata l’operazione verso la chiusura, mettere a posto la tessera più importante: proprio l’accordo con il club francese. Finora la trattativa si è bloccata sulla formula: prestito con diritto di riscatto l’idea bianconera, cessione definitiva a 15-20 milioni la posizione del Psg. Distanza colmabile, filtrava già nei giorni scorsi. Magari attraverso un prestito con obbligo, eventualmente condizionato. E che sarà più facile da colmare con un centrocampista in più nella rosa del Psg e uno in meno in quella bianconera.

Juve, su Morata le solite difficoltà. Paredes c'è

Guarda il video

Juve, su Morata le solite difficoltà. Paredes c’è

Precedente L'Udinese attesa dall'esordio in Coppa Italia, Sottil deve sciogliere gli ultimi dubbi Successivo Il saluto di Mertens commuove Napoli, la reazione di Reina

Lascia un commento