Juve, occhi su Zakaria: un gigante per il centrocampo

Lo svizzero ha superato il test della sfida all’Italia e ora è in prima fila nei desideri di Allegri. Fisico e più giovane di Witsel, sembra pronto al salto. E il Gladbach pare rassegnato: “Può partire a gennaio”

Denis ha deciso di darci un taglio. Zak, come da cognome: basta Borussia Mönchengladbach, niente rinnovo del contratto e probabile cambio squadra. Zak, come faceva la mamma, che aveva un salone da parrucchiera. I tifosi juventini venerdì lo hanno seguito con attenzione, perché per loro Italia-Svizzera non era solo la partita decisiva per il girone di qualificazione al Mondiale.

Era anche l’occasione per vedere Denis Zakaria, padre congolese, madre sudanese, cuore svizzero, contratto in scadenza a giugno e testa in giro per l’Europa. La Juventus cerca un centrocampista centrale, se possibile per gennaio, e nella sua ricerca si è fermata anche in Germania. Forse, soprattutto in Germania. Axel Witsel è stato un nome buono anche per l’estate, il vero preferito di Allegri in agosto. Non se ne è fatto nulla perché il mercato è complesso e Witsel non così giovane: 33 anni a gennaio. La Juve cerca profili (più) giovani. Zakaria invece sta per compierne 25 e il particolare fa la differenza. E Tchouaméni del Monaco, altro giovane gradito? No, quasi impossibile arrivi: finirà altrove.

giro veloce a 34 orari

—  

Prima di capire quante chance ha la Juve di prendere Zakaria – o quante chance ha Zakaria di arrivare alla Juve – breve descrizione. Il Gladbach gioca con due centrocampisti centrali e Zakaria è uno dei due: l’uomo che recupera palloni e fa sentire il fisico. Questa è facile: una guardia svizzera. Paragoni spesi: Pogba e Vieira, non per caso già visti a Torino, più altri nomi meno convincenti come Kroos. Punti deboli? A tecnica andiamo… così così, come ha detto lui stesso: “Posso fare la differenza con la mia velocità di piedi e testa, più che con la tecnica”. Per quel discorso della velocità, si prenda atto che venerdì scorso in Mainz-Gladbach, partita in cui ha giocato da difensore centrale, Denis ha fatto il giro veloce: è stato cronometrato a 34,51 chilometri orari, che una volta si toccavano in motorino, al massimo in bici, non certo di corsa. È il picco di velocità nella stagione del Borussia.

via a gennaio

—  

Quindi può essere lui il nome giusto per la Juve? A due mesi dall’inizio del mercato, Zakaria è nel primo gruppo, quello dei più seguiti. Il resto dipenderà da offerte, sviluppi, eventuali cessioni. Sicuramente, la sua volontà pare chiara: cambiare. Max Eberl, d.s. del Gladbach, lo ha detto nelle ultime ore a GladbachLive: “Ginter e Zakaria vogliono grandi contratti con grandi squadre. Noi stiamo parlando con loro, vorremmo rinnovare con entrambi e non penso di avere zero chance. Via a gennaio? Non lo escludo”.

liverpool

—  

Eberl ci crede il giusto: il Borussia può spendere la carta Hütter, allenatore molto gradito a Denis, ma Zakaria al 95% partirà. Resta da capire dove andrà. Il Liverpool si è interessato e non mancano voci su Borussia Dortmund e altre squadre. Le sue preferenze? Il sogno di una vita è il Barcellona, l’obiettivo più concreto – confessato ad amici a Mönchengladbach – la Premier League, che in effetti sembra disegnata per lui. La Juventus però ha ovviamente chance, a patto di presentarsi con l’offerta giusta – più facile se Ramsey salutasse – e di convincersi definitivamente che sì, il figlio della parrucchiera è il nome giusto per cambiare il centrocampo di Allegri.

Precedente DIRETTA/ Trieste Varese (15-22) streaming video Rai: Varese parte bene Successivo Inter, caccia al parametro zero: Onana firma a febbraio. Idee Ginter, Corona e Insigne

Lascia un commento