Juve, con lo Spezia tocca a Kean. Allegri mischia le carte a centrocampo

Oltre al rientro di Chiesa e De Ligt da titolari annunciato dal tecnico in conferenza, chance per De Sciglio terzino. McKennie non è l’unica possibile novità in mezzo al campo

“Serve una vittoria per poter vedere le cose in un altro modo”. Max Allegri non gira intorno alla realtà dell’attuale classifica della sua Juventus, la spedizione con lo Spezia ha un solo obiettivo: conquistare il primo bottino pieno in campionato. Il tecnico ha preannunciato un po’ di cambi rispetto all’ultima formazione anti Milan pur senza stravolgimenti di modulo.

DIFESA

—  

La rotazione non riguarderà il portiere: sarà Szczesny a guidare regolarmente la difesa, Perin potrebbe trovare spazio con la Sampdoria domenica. Conferma anche per Bonucci, che in assenza di Chiellini (non convocato) dovrà trasmettere esperienza accanto a De Ligt. Mentre sulle corsie esterne De Sciglio potrebbe far rifiatare uno tra Danilo e Alex Sandro: maggiori possibilità che sia il secondo a rimanere fuori: maggiori possibilità che sia il secondo a rimanere fuori e a quel punto non è da escludere un’inversione, con Danilo a sinistra.

CENTROCAMPO

—  

Fari puntati soprattutto in mezzo al campo. Difficile che Max decida di stravolgere l’intera linea ma è lecito immaginare un’alternanza tra Locatelli e Ramsey davanti alla difesa. Ma anche McKennie si candida per una maglia da titolare, e non sarà facile scomodare uno tra Rabiot e Bentancur. Da non escludere Bernardeschi. Potrebbe infine rifiatare Cuadrado, che dovrebbe lasciare il posto da esterno alto a Chiesa.

ATTACCO

—  

Mentre in avanti, nonostante sia a disposizione, dovrebbe rimanere fuori Morata e lasciare il posto da titolare a Kean. Meno dubbi sulla presenza di Dybala, con tanto di fascia capitano al braccio vista l’assenza di Chiellini. Il dieci bianconero vuole fare la differenza: cercherà la rete decisiva, come fece sessant’anni fa (stagione 1961/1962) Omar Sivori per restituire il sorriso alla Vecchia Signora dopo solo due punti nelle prime quattro giornate di campionato.

Precedente Gol, rigori, emozioni e proteste: Bologna-Genoa, spettacolare 2-2 Successivo Il segreto per vincere è spiare gli avversari?

Lascia un commento