Ibrahimovic, critiche dalla Svezia: “Il suo ritorno non è stato un successo

ROMA – La sconfitta della Svezia contro la Spagna, che ha condannato gli scandinavi a doversi giocare la qualificazione al Mondiale in Qatar 2022 agli spareggi di marzo, ha lasciato strascichi di polemica fra i media locali. Oltre l’allenatore Anderson, reo secondo alcuni giornali di non aver azzeccato i cambi (soprattutto quello di Forsberg), sulla graticola dell’informazione sportiva svedese è finito anche Zlatan Ibrahimovic. Il quotidiano Aftonbladet, propro in relazione alle prestazioni del centravanti del Milan in nazionale, titola: “Il ritorno di Zlatan non è una storia di successo”. Ibra, che è ritornato in nazionale a novembre dopo una lunga pausa, è stato protagonista contro la Spagna, dopo la prova opaca in Georgia, di un episodio non affatto gradito ai media nazionali e ai tifosi: subentrato al 73′ al posto di Isak, ha spinto violentemente alle spalle il terzino spagnolo Azpilicueta beccandosi un giallo che gli farà saltare per squalifica la prima gara degli spareggi.

Ibrahimovic, follia su Azpilicueta: Var e arbitro lo graziano

Spagna batte Svezia: Ibra va agli spareggi

La stampa svedese critica Ibrahimovic

Non so se vivrò allora“, ha detto Ibra dopo la gara di Siviglia quando gli è stato chiesto dello spareggio tra quattro mesi. “La Svezia si è messa in una posizione in cui un secondo posto dietro la Spagna è deludente. Ora mancano quattro lunghi mesi al riesame“, afferma lo svedese. “Le parole di Ibra sono state divertenti, l’unica cosa divertente della serata. Meno è stato il suo giallo per quello che ha fatto ad Azpilicueta. Ha 40 anni, nel bel mezzo della sua vita, e quattro mesi ora è un percorso tortuoso”, commenta il quotidiano Aftonbladet sulle sue pagine. La giornalista Johanna Frändén incalza ancora: Ha saltato le gare di quest’estate, zero gol in 90 minuti contro la Georgia, doppia ammonizione e squalifica per la prima partita di playoff di questa primavera. Potrebbe essere troppo presto per gridare fallimento, ma dovremmo essere d’accordo sul fatto che la decisione di Zlatan di ritornare in nazionale l’anno scorso inizia a sembrare meno riuscita “.

Precedente Dybala, auguri pieni di amore da Oriana Sabatini Successivo Zaniolo e le ginocchia, che sfortuna: anche la sorella operata al menisco

Lascia un commento