I due dubbi di Gattuso e le scelte in mezzo di Pirlo (che ritrova Dybala)

Ballottaggio sul centro-destra bianconero con Kulusevski verso un turno di riposo, gli azzurri ritrovano Koulibaly dopo la squalifica e hanno scelto il centravanti

È già valso il primo trofeo stagionale, la Supercoppa vinta dalla Signora a Reggio Emilia. Juventus-Napoli di mercoledì, recupero della terza giornata di andata, 53 giorni dopo il 2-0 partenopeo nella partita di ritorno già giocata, è ora insieme uno spareggio tra due squadre a pari punti al quarto posto e la mossa di apertura della volata per la Champions League lunga dieci partite.

Qui Juve

—  

Chiellini-De Ligt scelta obbligata per Pirlo nel cuore della difesa, in alternativa solo soluzioni di emergenza. Irrinunciabili sulle fasce Cuadrado e Chiesa, Danilo può tornare qualche passo indietro e completare la linea difensiva sulla sinistra. Al suo posto in mezzo, con Bentancur che in stagione col Napoli ha sempre giocato, si va verso il ritorno Rabiot, che nel derby ha riposato per la prima volta dopo un mese e mezzo da titolare, stancato nel fisico ma rinfrancato nelle prestazioni dal trittico in nazionale. Arthur non sta bene e il derby l’avrebbe saltato anche senza castigo, McKennie sarebbe stato magari in panchina per il ritorno degli acciacchi all’anca: l’americano si candida, ma ancora di più Ramsey, per un posto sul centrodestra al posto di Kulusevski, non per punizione dopo l’errore col Toro ma per farlo rifiatare (e ritrovare) dopo sette partite di fila da titolare. Ma occhio anche a Bernardeschi, titolare nel precedente in campionato e molto positivo in quello di Supercoppa. Lo svedese tornerebbe utile per cambiare volto a partita in corso: in fascia se servirà attaccare, o se ci sarà da coprirsi al posto di uno tra Ronaldo e Morata, ma occhio a Dybala, al ritorno tra i convocati dopo l’infortunio di due mesi fa col Sassuolo e il caso della cena galeotta.

Qui Napoli

—  

Il portiere e il mediano: sono i dilemmi di Rino Gattuso per la sfida di mercoledì allo Juventus Stadium. Nel senso che negli allenamenti di oggi e domani saranno verificate le condizioni di Ospina e Demme per vedere se sono completamente recuperati. Il portiere colombiano ha subito una infrazione all’anulare della mano sinistra nella scorsa settimana, ma già domenica era in panca contro il Crotone. In ogni caso Meret è pronto e contro la Juve è già risultato decisivo sia nella sfida al Maradona di febbraio, sia nella finale di Coppa Italia dello scorso giugno. In difesa rientrerà Koulibaly, domenica squalificato, al posto di Maksimovic, mentre a sinistra Hysaj dovrebbe essere preferito a Mario Rui. In mediana da verificare le condizioni di Demme: se il tedesco avrà superato il problema muscolare emerso nei giorni scorsi sarà titolare al fianco di Fabian Ruiz, altrimenti c’è Bakayoko. In attacco tornerà titolare da trequartista Zielinski, con Mertens centravanti ed esterni Lozano e Insigne. Osimhen partirà dalla panchina.

Precedente Milan, mezzo harakiri: pari con la Samp, che fatica la strada per la Champions Successivo LIVE Finale Napoli-Crotone 4-3: decide un gran sinistro di Di Lorenzo al 73’

Lascia un commento