Fiorentina in ritiro per la volata salvezza. Iachini: “L’ha voluto la squadra”

L’allenatore viola in vista della sfida del Dall’Ara: “Mihajlovic e i suoi saranno arrabbiati dopo Bergamo. Salvezza? Vietato fare calcoli”

Quattro punti contro Verona e Juventus. Vincendo anche a Bologna, la Fiorentina puntellerebbe in modo forse definitivo la prossima Serie A. Iachini, come ovvio che sia, non si fida: “Anche lo scorso anno quando sono stato chiamato sapevo che la situazione non era facile, come adesso. C’è pathos, anche perché sono molto affezionato a Firenze, ma nello stesso tempo devo rimanere concentrato su ciò che dobbiamo fare. Le situazioni negative vanno ribaltate, con il cuore, il coraggio e l’orgoglio di vestire questa maglia. Ho trovato i ragazzi con un po’ di preoccupazione e pressione, quindi stiamo lavorando sia tatticamente che dal punto di vista mentale. Fisicamente stiamo molto bene, i test lo certificano”.

Ritiro anticipato

—  

Il Cagliari continua a vincere, Benevento e Spezia sono state risucchiate, la situazione in fondo è molto fluida: “Guai a fare calcoli – prosegue Iachini – e pensare agli altri, serve fare le cose giuste dal punto di vista dell’atteggiamento, con massima attenzione ai particolari che nel finale di stagione possono fare la differenza. I ragazzi mi hanno chiesto di andare in ritiro un giorno prima per preparare la partita, significa che tutti ci tengono tantissimo. Stasera staremo insieme quindi, domattina ci alleniamo a Firenze e nel pomeriggio partiremo per Bologna”.

Bologna

—  

“Sinisa sta facendo un grandissimo lavoro, hanno giocatori di qualità in tutti i reparti e dovremo fare una grande partita. Il ritiro anticipato proposto dai giocatori ripeto, mi ha fatto molto piacere. La gara è importante e tutti ne sono consapevoli. Saranno arrabbiati dopo il 5-0 subìto, hanno attaccanti veloci e tecnici, serve partire bene e restare organizzati in ogni fase della partita. Barrow, Orsolini, Soriano, Skov Olsen, Sansone, sono tutti abili a tagliare in velocità, quindi dovremo essere attenti sapendo di poter far male anche noi in fase offensiva”.

Mistero Kokorin

—  

Poi sugli acciaccati: “Kokorin ancora non si è allenato con me, si porta dietro questo problema e sta facendo il proprio programma differenziato. Non so quando potrà almeno in parte tornare ad allenarsi con noi. Farà altri accertamenti e poi vediamo. Venuti sta meglio, domani verificheremo se potrà essere della gara”.

Vlahovic

—  

Con le sue 17 reti il bomber serbo sta trascinando la Fiorentina: “Dusan resta concentrato solo sul suo lavoro. È una stagione importante per lui e per la Fiorentina. È umile, sta proseguendo il suo percorso di crescita per trovare continuità e forza mentale proprio adesso che le cose vanno bene, sa perfettamente di dover stare sul pezzo. Ci aspettiamo ancora tanto da lui”.

Precedente Crotone, Cosmi avverte: "In passato ho già vinto contro l'Inter" Successivo La lezione di Pep, l'umiliazione del Franchi. Roma, tutte le notti da incubo

Lascia un commento