Fenomeno Pessina stende il Napoli: l’Atalanta vola in finale con la Juve!

Dopo il gol di Zapata, doppietta dell’ex Verona: Gasperini alla seconda finale in 3 anni troverà i bianconeri. Inutile per Gattuso la rete di Lozano

Marco Guidi

10 febbraio – Milano

L’Atalanta è in finale di Coppa Italia per la quinta volta nella sua storia, la seconda negli ultimi tre anni, con Gian Piero Gasperini come condottiero. Ma per raggiungere la Juventus, contro cui il 19 maggio si giocherà il trofeo, la Dea ha dovuto anche soffrire, più di quanto dica il 3-1 finale sul Napoli nella semifinale di ritorno al Gewiss Stadium (0-0 all’andata). Perché gli ospiti, pur in difficoltà per assenze e ambiente vulcanico, con la tensione tra il presidente De Laurentiis e il tecnico Rino Gattuso che si tocca con mano partita dopo partita, a un quarto d’ora dalla fine hanno avuto anche la palla della finale, gettata da Osimhen sul corpo di Gollini, dopo essere stati dominati per buona parte della gara.

Scelte

—  

Gasperini non recupera Maehle, ma a sorpresa ha a disposizione Sutalo, inizialmente escluso addirittura dai convocati. Il croato si sistema proprio a destra nel 3-4-1-2, viste le assenze del danese e di Hateboer. Dietro non c’è Romero squalificato, con Toloi e Djimsiti spazio così a Palomino. In attacco, come all’andata, Zapata e Muriel insieme, sostenuti da Pessina. Gattuso, invece, rilancia dal 1′ Osimhen, affiancato da Lozano e Insigne esterni offensivi. L’emergenza è però in difesa, dove Rrahmani e Maksimovic rilevano la coppia titolare Manolas-Koulibaly: il greco è out per infortunio, il senegalese per Covid. In mediana torna Bakayoko.

Dominio

—  

Dopo un tentativo da fuori di Insigne, pericoloso, ma a lato, inizia lo show della Dea. Al 10′ apre le danze Duvan Zapata: il colombiano si stacca dalla linea molto bassa degli uomini di Gattuso, sfrutta l’incomprensione tra Hysaj e Maksimovic, che si rimpallano la responsabilità di uscire a pressarlo, e con il destro scarica un tiro fortissimo in diagonale all’angolo. Ospina non può nulla, Atalanta in vantaggio. Il Napoli subisce il colpo e 6′ dopo capitola di nuovo. Stavolta è una splendida azione manovrata, quella della Dea: Gosens pesca Zapata in area, giocata di prima per Pessina che solo davanti a Ospina non sbaglia. È 2-0 e a Bergamo sentono già il profumo della finale. Anche perché gli ospiti sembrano completamente fuori partita. Osimhen litiga con tutti, pallone compreso. E Gattuso perde al 42′ anche Hysaj (infortunato), sostituito da Mario Rui. Così, il 2-0 all’intervallo va quasi bene ai partenopei, che prima del gong rischiano sul diagonale fuori di Muriel (37′) e sulla zampata alta in mischia di Zapata (45′).

Lozano dal nulla

—  

Nella ripresa, aperta con il cambio Politano-Elmas, in pochi sono pronti a credere che il Napoli possa rientrare in partita, ma al 53′, quasi dal nulla, ecco il gol che riapre i giochi: percussione di Bakayoko, rimpallo che favorisce Lozano, prima stoppato da Gollini, poi abile a rialzarsi velocemente e infilare la porta vuota. Memore della rimonta subita in campionato dal Torino, Gasperini cerca di dare subito la sveglia ai suoi inserendo Ilicic per Muriel, quasi come segnale. E lo sloveno al 67′ costringe Ospina alla deviazione in angolo con il suo mancino velenoso. Poi Zapata da due passi di testa non trova il bersaglio. L’Atalanta spreca, Gattuso prova a dare energia alla mediana con gli ingressi di Lobotka e Demme per Zielinski e Bakayoko. Al 69′ è ancora Ospina a tenere in gara gli azzurri con una gran parata sul sinistro dal limite di Pessina. Proteste della panchina campana per un’entrata di Palomino (già ammonito) su Osimhen: l’arbitro La Penna non estrae il secondo cartellino, ma Gasperini si prende paura e toglie l’argentino per inserire Caldara.

Finale

—  

Al 75′ si vede finalmente il Napoli, ma Osimhen si fa respingere da Gollini il tocco sotto porta dopo il bel servizio di Demme, partito sul filo del fuorigioco. Col senno di poi, la palla della possibile finale. Perché 3′ dopo, Gasp è pronto a correre ai ripari con un doppio cambio (Pasalic e Miranchuk), ma è anticipato dalla magia di Pessina che chiude il conto: Ilicic in verticale per Zapata, che accomoda palla per l’inserimento dell’ex Verona, bravissimo nel dribbling su Di Lorenzo prima di scavalcare Ospina con un tocco sotto. Il terzo gol è una mazzata per il Napoli, che pur ci prova con Mario Rui (ancora bravo Gollini), prima di alzare bandiera bianca. Il 19 maggio, Gian Piero Gasperini proverà a vincere il primo trofeo con l’Atalanta, dopo aver fallito l’assalto alla Coppa nel 2019 all’Olimpico contro la Lazio.

Precedente DIRETTA/ Chievo Reggiana (risultato 0-0) streaming video DAZN: ci prova Canotto Successivo Dybala-Brady, nuovo scambio social: il campione americano scrive alla Joya

Lascia un commento