Elmas, sirene spagnole: è nel mirino di Barcellona e Real Madrid

Autore di una doppietta all’Islanda, il macedone ha estimatori importanti in Liga. Occhi puntati dal suo ex allenatore Ancelotti

Eljif Elmas è entrato nel mirino dei club spagnoli. Anzi, verso il centrocampista del Napoli si starebbero orientando le attenzioni di mercato dei più prestigiosi club di Spagna, Real Madrid e Barcellona. Un’impennata nelle sue quotazioni è arrivata sicuramente dall’exploit nelle gara con l’Islanda. Il 3-1 della Macedonia del Nord è stato scandito da una sua doppietta di gran qualità. Una vittoria decisiva per accedere al playoff della zona europea di qualificazione al Mondiale. Così Elmas si è ritrovato da artefice della prodezza compiuta dalla Macedonia che ha preceduto in classifica la Romania.

Valore

—  

Anche il 22enne di Skopje rientra tra i giocatori che stanno beneficiando dell’arrivo di Spalletti a Napoli. Col tecnico toscano il macedone ha ritrovato fiducia e spazio. Sedici le presenze stagionali, di cui quattro in Europa League, due gol (uno per competizione). Sin dal precampionato Elmas ha fatto valere la sua duttilità per potersi inserire sia nel centrocampo a tre sia nel tridente offensivo. Così è riuscito ad essere titolare in sette gare. Sta disputando la terza stagione con la maglia del Napoli: è arrivato nel 2019 dal Fenerbahce per circa sedici milioni di euro. Il suo acquisto venne caldeggiato da Carlo Ancellotti, che era sulla panchina del Napoli. Ed il tecnico, ora alla guida del Real Madrid, ha riacceso la sua considerazione per il centrocampista macedone. Parallelamente, il nome di Elmas viene monitorato dal Barcellona nel suo piano di ristrutturazione tecnica. Probabilmente, la lista dei pretendenti si allungherà. Elmas ha una valutazione sui 17 milioni. È vincolato sino al 2025 al Napoli, che difficilmente però vorrà privarsene. Con i suoi 22 anni Elmas può crescere ancora tanto alla scuola di Spalletti.

Precedente Napoli, feeling con l’Empoli: fari puntati sull’azzurrino Parisi Successivo Rocco e il Milan, il primo amore non si scorda mai: quando Commisso sfiorò i rossoneri

Lascia un commento