Elis, dal coma al ritorno a casa: come sta l’attaccante del Bordeaux

Rimasto vittima di un grave trauma cranico il 24 febbraio durante una partita di Ligue 2 tra Bordeaux e Guingamp, Alberth Elis è tornato a casa per la prima volta. Stando a quanto riportato da France Bleu Gironde, l’attaccante honduregno sta cominciando a ritrovare le forze. All’inizio di marzo Elis aveva già lasciato l’ospedale per ricoverarsi in una clinica specializzata. Questa è la prima volta dal suo incidente che può tornare a casa.

Elis, impossibile sapere se tornera a giocare

Secondo France Bleu Gironde, Elis è ogni giorno sempre più autonomo. Ora è in grado di camminare a ritmo sostenuto e andare in bicicletta. Non ha postumi neurologici del trauma cranico, anche se la diagnosi non è definitiva in questa fase della riabilitazione. Impossibile anche sapere se potrà tornare a giocare a calcio di alto livello. La sua riabilitazione continua, con diverse sedute condivise tra casa sua e la clinica.

Elis, l’ultimo bollettino medico

Portato via in barella in seguito a una scossa sul prato del Matmut Atlantique, Elis è stato trasportato al CHU Pellegrin di Bordeaux e operato prima di essere posto “in coma artificiale protettivo”, con “una prognosi vitale e funzionale” allora incerta: “Comincia a fare progressi. È bravo, parla, capisce tutto ma queste sono cose a cui bisogna stare attenti. Lasciamo che i suoi genitori e la società comunichino di più dettaglio su questo perché sono i più inseriti e quelli che lo visitano più assiduamente” ha confidato Albert Riera in conferenza stampa due settimane fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Atalanta, ottimismo per Koopmeiners in vista del Napoli: le sue condizioni Successivo Torna la Serie A, le probabili formazioni della 30ª giornata 

Lascia un commento