Cristiano lascia Torino? Social impazziti e i tifosi si dividono

L’arrivo a Torino di Mendes aumenta le possibilità di un trasferimento del portoghese con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del contratto, e la tifoseria fa i conti con la possibilità di una cessione

Da qualche giorno ci sono tifosi che attendono l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Continassa con la bandiera del Portogallo. Il sette bianconero poi passa, saluta ma non si ferma, per via delle limitazioni imposte dal Covid. In città l’entusiasmo intorno al cinque volte Pallone d’oro non si è mai spento in questi anni, anche se ora fa i conti con la possibilità di una cessione.

SCENARIO

—  

L’arrivo a Torino di Mendes, il super agente di CR7, aumenta le possibilità di un trasferimento del portoghese con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del contratto. Di concreto, cioè trattative aperte, ancora nulla. Ma le prossime ore saranno decisive e potranno cambiare tutto lo scenario, in un senso o nell’altro. Così sui social ci si divide, tra favorevoli e contrari.

FAVOREVOLI

—  

Non mancano le critiche al portoghese e i bilanci, più o meno oggettivi, sui suoi tre anni in bianconero: il calo di rendimento di una squadra che nell’estate del 2018 pensava di poter diventare regina d’Europa con l’arrivo di CR7 fa sponda sul pensiero di chi, adesso, lo saluterebbe senza fare troppi drammi.

In questo senso, il ritorno di Allegri (che viene ritenuto una garanzia specie in campionato) e il nuovo progetto bianconero che si fonda sui giovani (con Dybala nuovo simbolo) è la nuova prospettiva. E Ronaldo non ha mai dato l’idea di essere uno particolarmente disponibile a fare da chioccia, almeno stando alle sensazioni.

CONTRARI

—  

Completamente opposto il pensiero di chi riconosce a Cristiano la grandezza del campione, legandola alla storia del club. E di fronte alla possibile cessione del portoghese tende a ringraziarlo con enorme rammarico. Con una serie di quesiti a margine: CR7 è arrivato nel momento in cui i tifosi lo hanno potuto apprezzare poco dal vivo (causa stadi chiusi per via del Covid).

E poi, chi prenderà il suo posto? E ancora: esiste un sostituto dell’insostituibile (per definizione) Cristiano? Un commento dai contorni amari prova a rispondere: “Chiunque dopo Cristiano Ronaldo sarà un downgrade pazzesco. Chiunque”. E la cessione del portoghese non è ancora certa.

Precedente Roma-Pastore, giornata cruciale. Ma non è l'unica spina di Pinto... Successivo Probabili formazioni Genoa-Napoli: aggiornamenti

Lascia un commento