Conte, la confessione agli amici: "Ronaldo no, Tottenham sì: ecco perché"

Tottenham, i motivi che hanno convinto Conte

Conte era pronto per allenare Cristiano Ronaldo e compagni già dopo il clamoroso 5-0 rimediato contro il Liverpool ma poi qualcosa è cambiato. Stando a quanto riporta The Athletic, l’allenatore salentino avrebbe confidato agli amici più intimi che ha quindi deciso di accettare l’offerta degli Spurs perché sentiva che la fiducia dello United in Solskjaer era troppo forte e che non avrebbero mai esonerato il norvegese. Tra i motivi che lo avrebbero convinto, anche la visione del documentario “All or nothing” dedicato al Tottenham.

Precedente L'allenatore dello Sheriff avvisa l'Inter: “Abbiamo imparato dai nostri errori" Successivo Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 2 novembre

Lascia un commento