Clamoroso, il Valencia lascia il campo! Insulto razzista a Diakhaby

Clamoroso ciò che è successo in Cadice-Valencia, partita del pomeriggio di Liga. La partita è stata interrotta prima della fine del primo tempo, quando la squadra ospite ha abbandonato il campo per un presunto episodio di razzismo: Cala avrebbe insultato Diakhaby. Entrambi stavano “lottando” per una palla aerea, poi il difensore del Valencia si è totalmente estraniato dal gioco ed è andato direttamente a protestare contro l’avversario. E mentre il match proseguiva dall’altra parte, il francese si è spiegato con l’arbitro e ha deciso di lasciare il campo provocando la sospensione della gara al 37’. I compagni di squadra lo hanno supportato, seguendolo prontamente negli spogliatoi. Cadice-Valencia è poi ripresa dopo 10 minuti con Diakhaby che è stato rimpiazzato da Guillamon. La vittoria finale è andata ai padroni di casa per 2-1.

Tutto su Cadice-Valencia

Il Valencia: “No al razzismo”

Tutto il nostro supporto a Diakhaby – ha scritto il Valencia in un tweet – Il giocatore, che ha ricevuto un insulto razzista, ha chiesto ai compagni di squadra di tornare in campo per combattere. Siamo tutti con te. Condanniamo il razzismo in tutte le sue forme”.

Il comunicato del Valencia in 10 punti

1. Diakhaby è diventato oggi un’altra vittima del razzismo nel calcio.
2. Dopo aver subito un intollerabile insulto razzista, ha comunque ricevuto il cartellino giallo per protesta.
3. Siamo orgogliosi del supporto che Diakhaby ha ricevuto dai suoi compagni di squadra e della decisione di lasciare il campo in blocco.
4. Confidiamo che questo episodio diventi oggetto di una indagine.
5. Con nostro disappunto, non è stata presa alcuna decisione.
6. In nessun momento il club ha esortato i giocatori a tornare in campo. L’arbitro ha comunicato ai giocatori le potenziali conseguenze del mancato rientro e la squadra, costretta a giocare con il rischio di una penalizzazione, ha deciso di rientrare.
7. Diakhaby ha chiesto ai suoi compagni di squadra di tornare in campo e combattere. I suoi colleghi hanno rispettato la sua volontà.
8. Quello che è successo oggi non dovrebbe mai più ripetersi nel calcio.
9. Il Valencia CF è contro il razzismo. Oggi è un giorno triste per il nostro sport.
10. Quella che abbiamo perso oggi non è una partita, oggi si è perso il rispetto e lo spirito del calcio e dello sport.

Il Cadice: “Contrari a qualsiasi forma di razzismo”

Siamo contrari a qualsiasi forma di razzismo o xenofobia, chiunque sia l’autore, e lavoriamo per combatterlo. Gli autori di questi crimini, indipendentemente dal fatto che provengano o meno dalla nostra squadra, devono pagare. Non dubitiamo dell’onestà di tutti i componenti della nostra rosa, fermi difensori della lotta al razzismo, il cui atteggiamento è sempre stato esemplare. Chiediamo sempre un atteggiamento di rispetto e responsabilità nei confronti degli avversari. Lavoriamo e continueremo a farlo affinché nel nostro calcio non ci siano comportamenti xenofobi con un fortissimo ‘NO AL RAZZISMO’”.

Precedente Ligue 1: Milik resta a secco, ma il Marsiglia batte il Digione 2-0 Successivo Paratici: "Dybala, Arthur e McKennie hanno sbagliato e pagato. Deciderà Pirlo..."

Lascia un commento