Chi chiama Luis Enrique al telefono… finisce allo stadio!

Il sogno di ogni tifoso di calcio diventa realtà. In Spagna, per tutta la settimana, sarà possibile telefonare a Luis Enrique e sperare di poter parlare di calcio con il commissario tecnico della nazionale spagnola.

Il sogno di ogni tifoso di calcio diventa realtà. In Spagna, per tutta la settimana, sarà possibile telefonare a Luis Enrique e sperare di poter parlare di calcio con il commissario tecnico della nazionale spagnola. E non solo. Dopo il confronto, sarà possibile anche assistere alla semifinale di Nations League.

INIZIATIVA – Tutto nasce dalla provocazione di Luis Enrique in uno dei tanti battibecchi con la stampa durante le ultime sfide di qualificazione mondiale. L’ex allenatore della Roma e del Barcellona aveva detto che tutti avevano il suo numero di telefono ma nessuno lo chiamava per avere informazioni sulla nazionale. Una situazione che gli stava benissimo, fra l’altro. Assist colto al volo da uno sponsor della nazionale, che come riportato da AS, ha messo a disposizione di tutti il numero di Luis Enrique. E lanciato l’iniziativa “Chiama tu l’allenatore”. In palio un posto in prima fila per la sfida con l’Italia.

PREMIO – Lecito immaginare che il “681948108” pubblicato nella locandina del concorso sarà sommerso di telefonate. Luis Enrique ovviamente, anche per una mera questione di tempo, non potrà accontentare tutti. Ecco perché fra le potenziali centinaia di migliaia di chiamate solo un fortunato potrà avere il privilegio di scambiare due chiacchiere con il commissario tecnico. E chi sa se avrà il coraggio di suggerire qualche soluzione in vista della fase finale della semifinale di Nations League per evitare il bis di Euro 2020.

ESPERIENZA – Il vincitore, fra l’altro, potrà appurare con i propri occhi se i suoi suggerimenti saranno stati presi in considerazione da Luis Enrique. Dopo il colloquio, infatti, potrà anche seguire la nazionale spagnola sul posto. Tutto ovviamente pagato: volo di andata e ritorno a Milano, alloggio e un biglietto per assistere da un posto privilegiato sugli spalti del Meazza la sfida fra la  “roja” e gli azzurri  che si giocheranno l’accesso alla finale del torneo.

Precedente Svolta per il pubblico: stadi verso il 75%, palazzetti al 50% Successivo Shevchenko: "Il Milan ha un legame speciale con la Champions"

Lascia un commento