Brozovic, il padre-agente oggi a Milano. Scatta l’operazione rinnovo

La dirigenza dell’Inter pronta a discutere il prolungamento del contratto con il croato, così come concordato in estate. Società disposta a riconoscergli un sostanzioso aumento rispetto ai 3,5 milioni che guadagna attualmente, ma niente follie

Dopo Lautaro, sotto con Brozovic. La campagna rafforzamenti dell’Inter non termina di certo con la chiusura del mercato e l’accordo virtualmente raggiunto con il Toro per il prolungamento del contratto in scadenza nel 2023 è stato solo il primo tassello. Il passo successivo prevede il rinnovo del croato, con il quale la dirigenza nerazzurra inizierà a discutere a breve, forse addirittura oggi stesso. La conferma in tal senso è data dall’arrivo a Milano di Ivan Brozovic, padre e (da qualche mese) anche agente del centrocampista croato che punta ad aumentare sensibilmente l’ingaggio attualmente garantito dal contratto in scadenza a giugno del prossimo anno.

LA SITUAZIONE

—  

Oggi Brozo percepisce 3,5 milioni netti a stagione e la volontà è quella di salire fino a una cifra vicina compresa tra i 5 e i 6 milioni. Da parte sua, la dirigenza nerazzurra è intenzionata a venire incontro alle richieste del giocatore riconoscendogli lo status conquistatosi nelle ultime due stagioni. Ma con una precisa volontà in linea con la politica di contenimento dei costi imposta dalla proprietà a inizio estate. Che tradotto significa non fare follie, come già fatto presente al giocatore e al suo entourage al momento di concordare il rinvio della trattativa dopo la chiusura del mercato. Pur riconoscendo al croato un ruolo centrale nel progetto avviato con Inzaghi, la società intende fare leva sul suo senso di responsabilità, perché i tempi sono quelli che sono. Fino ad oggi, Brozovic ha dimostrato di comprendere perfettamente la situazione, accettando di rinviare ogni discorso al termine dell’estate. Ma adesso i tempi sembrano maturi per discutere in concreto di cifre e obiettivi futuri.

Sfida i migliori fantallenatori al fantacampionato Nazionale di Magic Gazzetta, la classifica generale parte il 25 settembre! In palio un montepremi da 260.000€. Attivati ora!

VOLONTÀ CONDIVISA

—  

L’arrivo a Milano di Brozo senior non coglie di certo impreparata la dirigenza nerazzurra. L’inizio della trattativa per il prolungamento del croato è frutto di un’agenda concordata dalle parti, che lavoreranno sulla base di una visione condivisa: il giocatore è soddisfatto del ruolo centrale acquisito nel progetto, si sente valorizzato e spera di poter restare in nerazzurro, così l’Inter resta decisa a puntare ancora su un giocatore rivelatosi fondamentale e in crescita costante. Il parametro su cui ragionare può essere quello relativo al contratto fatto sottoscrivere a Calhanoglu, che guadagnerà 4,5 milioni il primo anno per poi salire a 5 la stagione successiva. L’imminente rinnovo di Lautaro intorno ai 6 milioni costituisce un altro importante punto di riferimento. La speranza della dirigenza nerazzurra è quella di raggiungere un accordo con Brozo intorno alle stesse cifre, trovando dunque un punto d’incontro tra richiesta e offerta. Le parti non sono distanti, al contrario. Ma adesso è giunto il momento di guardarsi negli occhi e parlare di cifre concrete. Anche perché da gennaio il croato sarebbe libero di parlare anche con altri club, scenario che l’Inter vuole evitare per evitare pericolosi giochi al rialzo.

Precedente Inter, la colonia croata può crescere: Borna Sosa sotto osservazione Successivo Juve, il futuro parla francese: alla ricerca del nuovo Pogba

Lascia un commento