Bologna, tre punti d’oro. Il Verona non fa male, Svanberg lo punisce

Decide il destro dello svedese al 78′, per i veneti solo una vera occasione con Simeone

Una partita non memorabile, con poche occasioni e tutti i giocatori di qualità non esattamente nella loro miglior giornata. La vince 1-0 il Bologna, grazie a una giocata di Svanberg nel finale, che pesca la conclusione vincente di destro. Successo importante per il Bologna, apparso più brillante nel finale, mentre i veneti non sono stati capaci di proporre alcuna reazione. Anzi, sono stati Skov Olsen e Arnautovic (clamoroso errore) a mancare il raddoppio.

POCA QUALITÀ

—  

Soriano si accende in una sola circostanza (palo esterno), Barrow continua nella sua involuzione (sinistro in curva da posizione favorevolissima), Arnautovic fatica contro Gunter (ma è comunque fondamentale nell’azione del gol, al pari dell’ottimo Dominguez) e Orsolini a destra fa scena muta. Il Bologna sembra però più quadrato difensivamente (convince la coppia Bonifazi-Medel, in attesa di Theate). Copione abbastanza piatto per il Verona: un paio di lampi di Caprari, un colpo di testa fuori di poco di Simeone e un Barak mai incisivo. E se i cambi hanno aggiunto poco per Di Francesco, Hongla è stato persino dannoso, perdendo la palla che ha innescato il gol. Sembra mancare un po’ di qualità: il rientro di Veloso darà una mano in questo senso, ma la sensazione è che al Verona, che ha perso anche Zaccagni, continui a mancare un finalizzatore.

Precedente Berti: "Inter più forte dell'anno scorso. Col Real si vince 3-2, ma serve Bastoni" Successivo Barella e Lautaro, le solite certezze. Instancabili e sempre decisivi

Lascia un commento