Bianchi stende il Perugia ai supplementari, Brescia in semifinale

Gli uomini di Corini vincono 3-2 e affronteranno il Monza nella doppia sfida in programma il 18 e il 22 maggio

Il Brescia soffre contro il Perugia e dopo centoventi minuti di equilibrio vince 3-2 e conquista le semifinali playoff grazie a Bianchi, entrato al 105’ e protagonista con assist e gol della rimonta nel momento decisivo del match. Al Rigamonti, non basta il gran cuore del Perugia, in vantaggio due volte con le reti di Kouan e Matos. La squadra di Corini tiene vivo il sogno promozione.

KOUAN, POI PAJAC

—  

In un Rigamonti vestito a festa parte bene la squadra di Corini. Il primo pericolo dalle parti di Chichizola arriva al 6’ con il destro di Bertagnoli, deviato in calcio d’angolo. Buon possesso dei padroni di casa, ma Perugia avanti al primo affondo: cross dalla sinistra di Beghetto, bell’inserimento di Kouan e colpo di testa che vale il vantaggio dopo 10’. Il Brescia non ci sta e ruggisce al quarto d’ora con la testa di Moreo, che impatta sul primo palo il traversone di Palacio e manca il pari per questione di centimetri. I padroni di casa fanno la partita, ma gli uomini di Alvini ci riprovano un paio di volte in chiusura di frazione: raddoppio sfiorato prima con il colpo di testa di Curado (36’), poi con quello di Kouan (44’), che non trova il tocco giusto a due passi dalla porta. La svolta in chiusura di frazione: Leris tenta la rovesciata, Curado tocca con la mano in area di rigore. Fourneau rivede tutto al Var e indica il dischetto: dagli undici metri Pajac è glaciale e spiazza Chichizola. Al riposo è 1-1.

EQUILIBRIO

—  

Buon avvio di ripresa per i Grifoni, subito pericolosi con il destro dal limite di Olivieri, deviato in angolo da Joronen. Reazione del Brescia al 56’, con la botta di Tramoni dalla distanza: il riflesso di Chichizola alza il pallone in angolo. La sfida si arena in mezzo al campo con il passare dei minuti e le due squadre attente a non subire una rete che potrebbe costare la qualificazione alle semifinali. All’80’ squillo della squadra di Corini con il destro di Jagiello, respinto dal colpo di reni di un attento Chichizola. Proteste degli ospiti nel finale: mischia in area Brescia e fischio che promette discussioni di Fourneau, che interrompe il gioco in favore dei padroni di casa prima della conclusione in rete di Santoro. L’ultimo brivido dei regolamentari è il colpo di testa di Leris, che in tuffo sfiora il palo.

BOTTA E RISPOSTA

—  

Buona occasione per il Brescia al 95’: corner dalla sinistra e uscita incerta di Chichizola, che anticipa la deviazione di Proia. Al 101’ nuovo sorpasso ospite: il destro dal limite di Matos, deviato da Cistana, non lascia scampo a Joronen e ribalta le sorti della qualificazione per la gioia dei mille tifosi del Perugia al Rigamonti. Quarto centro stagionale in B per l’attaccante brasiliano. Botta e risposta, il nuovo vantaggio dura poco. Inizia il secondo tempo supplementare e Ayé riporta la sfida in parità deviando in rete, a due passi dalla linea di porta, il passaggio vincente di Bianchi, appena entrato al posto di Sabelli. Il classe 2000 spacca la partita e firma il tris sicurezza al 118’. La speranza della promozione resta viva per il Brescia. Il prossimo ostacolo per la A è il Monza, nella doppia sfida delle semifinali playoff. Andata al Rigamonti mercoledì 18 maggio, ore 19. Match di ritorno domenica 22 maggio all’U-Power Stadium, con calcio d’inizio alle 18.

Precedente Empoli-Salernitana, le pagelle: Vicario para tutto, merita 8,5. Bonazzoli decisivo: 7 Successivo Juric 50, è record di punti: "Merito dei ragazzi. Oggi partita seria e tosta"

Lascia un commento