Atalanta e Napoli, in palio la finale: Dea prolifica in casa, ma i precedenti…

Semifinale di ritorno in Coppa Italia, si parte dallo 0-0 dell’andata. I nerazzurri hanno segnato 15 volte nelle ultime 16 partite a Bergamo nella competizione, ma gli azzurri hanno sempre fatto bene in trasferta contro i lombardi in coppa

La rimonta subita dal Torino, la sconfitta in casa del Genoa. Atalanta e Napoli zoppicano in campionato, sono appaiate a quota 37 al sesto posto (i partenopei devono recuperare la partita contro la Juve) e si giocano l’accesso alla finale di Coppa Italia. Un traguardo che sarebbe una boccata d’ossigeno in un periodo con alti e bassi: si gioca a Bergamo e si parte dallo 0-0 dell’andata. Fischio d’inizio mercoledì alle 20.45.

I PRECEDENTI

—  

Sarà la terza sfida tra le due squadre in Coppa Italia in casa dell’Atalanta: 1-1 nel 1973 e vittoria 1-0 del Napoli nella finale di ritorno del 1987, con gol di Bruno Giordano. Due risultati che permetterebbero agli uomini di Gattuso di raggiungere l’atto conclusivo della competizione dopo la vittoria della passata stagione: il Napoli potrebbe giocare la finale di Coppa Italia per due stagioni consecutive per la prima volta nella sua storia.

I NUMERI

—  

Dopo lo 0-0 dell’andata, i partenopei vogliono tenere la porta inviolata contro la Dea per due volte di fila per la prima volta dal 2010, in Serie A. Ma non sarà un’impresa semplice: oltre a essere il secondo miglior attacco del nostro campionato, con 48 gol segnati (prima l’Inter, a quota 51), l’Atalanta ha mancato l’appuntamento con il gol solamente in una delle ultime 16 gare interne di Coppa Italia, segnando almeno due reti in tutte le altre 15 partite. Un confronto tra i nerazzurri e il Napoli a Bergamo non termina in parità dall’ottobre 2014, in campionato: da quel momento tre successi dei partenopei e due della Dea.

UOMO A SORPRESA

—  

L’Atalanta ha superato la semifinale di Coppa Italia quattro volte su sei, l’ultima volta nel 2019, e ha vinto la competizione in un’occasione, nel 1963. Un dato interessante è che gli ultimi cinque gol segnati dagli uomini di Gasperini contro gli azzurri sono arrivati da cinque marcatori diversi, ma tre di questi hanno lo stesso insospettabile assist-man: Rafael Toloi. Si parte da 0-0, si decide tutto in novanta minuti (supplementari e rigori permettendo): Gasperini e Gattuso, chi riparte?

Precedente Milan, ecco gli Studios: ora la sede è ancora più multimediale Successivo Ibra saluta Brady: “L’età migliore è sempre quella che si vive”

Lascia un commento