Arrestati due ultrà della Lazio, aggredirono troupe Rai a Ponte Milvio

Il 20 dicembre scorso l’attacco agli operatori che stavano facendo un servizio sulle misure anti Covid

Aggredirono una troupe della Rai durante un servizio a Ponte Milvio, a Roma. Con questa accusa sono agli arresti domiciliari due noti esponenti degli ultrà della Lazio. L’aggressione era avvenuta il 20 dicembre scorso contro giornalista e cameraman della trasmissione della Rai “Storie italiane”.

L’aggressione

—  

Poco prima di Natale due operatori della trasmissione di Rai 1 si erano recati a piazza di Ponte Milvio per alcune riprese e interviste sulle misure anti-Covid e sugli assembramenti per gli acquisti prima delle feste natalizie. Appena notati da un gruppetto di una decina di persone furono aggrediti, l’operatore finì in pronto soccorso e fu dimesso con 15 giorni di prognosi per un trauma cranico. La sindaca Virginia Raggi aveva espresso solidarietà alla troupe Rai: “E’ ingiustificabile la violenza nei confronti di chi, anche mei mesi difficili dell’emergenza, è in prima linea per fare il proprio lavoro e informare i cittadini. Mi auguro che i responsabili vengano identificati e puniti”.

Precedente Anna Magnani, Gassman, Venditti e... Quando il derby di Roma diventa arte Successivo I gol da fuori area sono sempre meno. I numeri dicono che "non convengono"

Lascia un commento