Serie B, un torneo di giramondo. Da Lapadula a Nagy, i nazionali sono 51

Vetrina internazionale con i grandi e le varie selezioni under. Man e Pirola a segno, ma brillano in tanti

Pietro Scognamiglio

5 settembre – Milano

Messaggio ai tanti giovani naviganti del campionato: gli occhi di Paolo Nicolato sulla Serie B sono apertissimi. Tendenza già nota, confermata ieri dalla doppia integrazione del gruppo della nazionale Under 21: Lorenzo Lucca e Samuele Mulattieri si ritrovano vestiti d’azzurro, dopo il luccicante inizio al centro degli attacchi di Pisa e Crotone. Potranno debuttare martedì a Vicenza contro il Montenegro in un gruppo – quello che ha aperto il nuovo ciclo – composto per metà dai talenti della B. Carnesecchi – totem tra i pali della Cremonese –, è l’emblema della continuità rispetto al precedente biennio. Pirola (Monza) – in gol a Empoli col Lussemburgo – e Colombo (partito forte con la Spal) possono diventare i nuovi volti di copertina. In giro per l’Europa c’è anche l’Italia Under 20 di Alberto Bollini, attesa domani dall’amichevole con la Serbia a Castel di Sangro dopo il successo in Polonia. Gioia firmata da Alessandro Cortinovis, gioiello dell’Atalanta girato in prestito alla Reggina che l’ha accolto con un impegnativo messaggio di benvenuto del d.s. Massimo Taibi: “È uno dei migliori talenti d’Italia”. Contro il Crotone potrebbe assaggiare la Serie B.

Oltre oceano

—  

Il ritrovato derby calabrese non sarà invece un approdo semplice per Rigoberto Rivas, titolare dell’Honduras nella sfida di qualificazioni mondiali in Canada (1-1 a Toronto) e atteso ancora da un altro paio di impegni centroamericani. Il rientro rischia di essere troppo a ridosso del campionato, problema condiviso con Gianluca Lapadula – volato in Perù – su cui il Benevento difficilmente potrà contare venerdì nell’anticipo di lusso (al Vigorito arriva il Lecce). L’aereo di Jhon Chancellor è invece atteso in Italia già giovedì, per la gioia di Inzaghi: il venezuelano a oggi non è un titolarissimo del Brescia, ma ad Alessandria ci sarà.

Man of the match

—  

Tante le notifiche arrivate dall’Europa. Dennis Man, punto fermo del Parma offensivo di Maresca, ha sbloccato Islanda-Romania (0-2), sfida ad altissima concentrazione di Serie B. Hanno infatti festeggiato i tre punti il difensore crotonese Nedelcearu e Marius Marin (Pisa), alla prima convocazione con la nazionale maggiore dopo l’Olimpiade di Tokyo. Ma, insospettabilmente, è proprio l’Islanda la nuova terra promessa: l’altro pisano Hermansson, i leccesi Bjarnason ed Helgason, oltre ad Ellertsson che la Spal ha venduto allo Spezia (trattenendolo in prestito). In Malta-Cipro del primo settembre (3-0) si sono ritrovati l’uno contro l’altro l’attaccante del Frosinone Satariano e il difensore del Como Ioannou, mentre una squalifica ha risparmiato ad Adam Nagy la disfatta dell’Ungheria contro l’Inghilterra. Ma il nuovo centrocampista del Pisa (anche lui) non è mai in discussione per il c.t. Marco Rossi, che l’ha schierato titolare all’Europeo e gli parla in italiano. Questo pomeriggio lo rilancerà in casa dell’Albania di Edy Reja, test utile per riconsegnarlo a D’Angelo al top della forma.

Strada azzurra

—  

Se i bulgari sono già risultati indigesti all’Italia campione d’Europa – c’era anche il difensore Antov, che il Monza ha riportato in Italia dopo la parentesi al Bologna –, il trittico di impegni azzurri si chiuderà mercoledì a Reggio Emilia contro la Lituania. Non sono annunciati tra i titolari, ma potremmo incrociare lo sguardo del difensore del Crotone Tutyskinas (18 anni, ma è già con i grandi) e di Krapikas, ex portiere dello Spezia, arrivato alla Ternana sul gong del mercato per insidiare tra i pali Iannarilli. Il pericolo, a volte, arriva dall’Est.

Nazionali A

—  

Ecco i giocatori di serie B convocati dalle rispettive selezioni “senior”.

Ascoli: Iliev (Bulgaria).

Benevento: Glik (Polonia), Ionita (Moldavia), Lapadula (Perù).

Brescia: Chancellor (Venezuela), Joronen (Finlandia), Mateju (Rep. Ceca).

Como: Ioannou (Cipro), Luvumbo (Angola).

Crotone: Nedelcearu (Romania), Tutyskinas (Lituania).

Frosinone: Satariano (Malta).

Lecce: Bjarnason (Islanda), Helgason (Islanda).

Monza: Antov (Bulgaria).

Parma: Man (Romania).

Pisa: Hermansson (Islanda), Marin (Romania), Nagy (Ungheria).

Reggina: Rivas (Honduras).

Spal: Ellertsson (Islanda).

Ternana: Krapikas (Lituania).

Under 21

—  

Tanti i giovani (soprattutto azzurri) della B in giro per il mondo.

Alessandria: Russo (Italia U21).

Ascoli: Bolletta (Italia U18).

Benevento: Di Serio (Italia U20).

Brescia: Papetti (Italia U21).

Cremonese: Carnesecchi (Italia U21), Dalle Mura (Italia U20), Fagioli (Italia U21), Okoli (Italia U21).

Crotone: Mulattieri (Italia U21).

Lecce: Gallo (Italia U21).

Monza: Brescianini (Italia U21), Pirola (Italia U21), Siatounis (Grecia U21), Vignato (Italia U18).

Parma: Benedyczak (Polonia U21), Dierckx (Belgio U21), Sohm (Svizzera U21), Turk (Slovenia U21), Zagaritis (Grecia U21).

Pisa: Lucca (Italia U21).

Perugia: Ferrarini (Italia U21), Gyabuaa (Italia U20).

Reggina: Cortinovis (Italia U20), Turati (Italia U20).

Spal: Colombo (Italia U21), Da Riva (Italia U20).

Vicenza: Mancini (Italia U19), Pizzignacco (Italia U20), Ranocchia (Italia U21).

Precedente Lazio, Kamenovic sarà tesserato a gennaio Successivo Teatro e tortellini: c’era una volta Turkyilmaz, lo svizzero più italiano di sempre

Lascia un commento