Sassuolo e il coraggio di scommettere su una prima linea verde

L’attacco neroverde, orfano di Caputo, potrà contare su due giovani in rampa di lancio: Raspadori e Scamacca

L’addio di Ciccio Caputo nell’ultimo giorno di mercato lascia un grande vuoto nell’attacco neroverde che può essere riempito dalla definitiva esplosione di due giovani di grandi prospettive: parliamo di Giacomo Raspadori (19 Magic Crediti), fresco campione d’Europa con gli azzurri, e Gianluca Scamacca (14 Magic Crediti).

PROGRAMMAZIONE E CORAGGIO

—  

Il Sassuolo sorprende sempre. Con l’addio di De Zerbi due calciatori fondamentali come Locatelli (passato alla Juventus) e Caputo, trasferitosi alla Sampdoria last-minute, sono andati via ma la squadra neroverde non ha sofferto, anzi rilancia e ha tra le mani una coppia giovanissima in attacco. Ambiziosa, affamata e con tanta voglia di arrivare.

RASPADORI

—  

Giacomo Raspadori, classe 2000, non è più una sorpresa. Dopo aver segnato tante reti in Primavera, la punta si è aggregata in Prima squadra, con De Zerbi che gli ha dato fiducia post-lockdown. Due reti nel primo spezzone di campionato disputato, lo scorso anno da vice-Caputo è arrivato a sei. In estate il trionfo con la Nazionale dove è subentrato contro il Galles. Ora, grazie alle sue abilità, sarà presumibilmente titolare, dato che può giocare sia in appoggio alla prima punta che appunto come riferimento centrale dell’attacco neroverde. L’obiettivo è quello di arrivare, il prima possibile, in doppia cifra.

SCAMACCA

—  

Scamacca è un classe 1999 che ha una storia molto diversa dal collega di reparto dato che ha già vissuto per diverse stagioni all’estero, in Olanda – dividendosi tra PSV e Zwolle – seppur con esiti non positivi. Da diverse stagioni è ritornato in Italia dove negli ultimi due anni ha mostrato parte del suo potenziale: 9 reti con l’Ascoli in B, 8 col Genoa partendo spesso da subentrato a gara in corso. Ora ha una chance dove potrà essere maggiormente titolare, con la società neroverde che ha rifiutato diverse proposte proprio per trattenerlo e puntarci con continuità. I due si divideranno il minutaggio, ma potranno anche spesso giocare insieme dato che hanno caratteristiche che ben si sposano tra di loro. Magari trovando quel feeling che li possa portare entrambi, a suon di goal, in maglia azzurra. Coraggio e programmazione, il Sassuolo scommette su di loro e siam convinti che tanti fantallenatori faranno lo stesso.

Precedente Ufficiale: Okaka lascia l'Udinese e vola in Turchia Successivo Atalanta, ecco Koopmeiners: il jolly del futuro per Gasperini

Lascia un commento